Corso ECM
DEA Formazione e Servizi

PARALISI CEREBRALE INFANTILE (PCI): INTERVENTO RIABILITATIVO DELLA COMPONENTE MOTORIA

DEA Formazione e Servizi
A Roma

190 
Preferisci chiamare subito il centro?
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso intensivo
Livello Livello avanzato
Luogo Roma
Ore di lezione 8h
Durata 1 Settimana
Inizio Scegli data
  • Corso intensivo
  • Livello avanzato
  • Roma
  • 8h
  • Durata:
    1 Settimana
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione

DEA Formazione e Servizi, società che opera nel campo della formazione alle persone e alle imprese, i cui settori principali sono: l'Informatica , la Psicologia applicata, gli ECM e l'Assistenza didattica, presenta su Emagister.it il corso ECM: PARALISI CEREBRALE INFANTILE (PCI): RESPIRAZIONE, TRONCO E ARTI SUPERIORI. MOTRICITA’ FINE ED ARTO MOTORIO, rivolto a Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva e Fisioterapisti.

L’atto fine-motorio è il risultato di un complesso processo di integrazione di più competenze. La componente esecutiva riveste un ruolo importante nel compimento dello stesso. La stabilizzazione della postura, il bilanciamento dei distretti corporei, l’allineamento del capo, il controllo dei movimenti dei singoli settori dell’arto superiore, la modulazione del reclutamento dei singoli muscoli nella sequenza dei movimenti sono gli elementi che caratterizzano l’esecuzione dell’atto.
Nella PCI la componente esecutiva dell’atto fine-motorio è sempre compromessa: le alterate afferenze propriocettive e cinestesiche, il disturbo del tono, la difficoltà di reclutamento, il fenomeno dell’irradiazione, i compensi funzionali inficiano la realizzazione dell’atto motorio, anche quando la componente di programmazione non è compromessa.

Un lavoro posturo-motorio finalizzato ad ordinare le esperienze percettive, e a contenere gli squilibri muscolari a livello del tronco e degli arti superiori può favorire nel bambino con PCI un’esecuzione più corretta o funzionale; sostenere la componente esecutiva rinforza il più ampio e complesso processo di programmazione dell’atto fine-motorio.

Informazioni importanti

Documenti
  • PCI - modulo 1.pdf

Strutture (1)
Dove e quando

Luogo

Inizio

Roma
Visualizza mappa
Via portuense 741

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte

Da tener presente

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Obiettivo nazionale: CONTENUTI TECNICO-PROFESSIONALI (CONOSCENZE E COMPETENZE) SPECIFICI DI CIASCUNA PROFESSIONE, DI CIASCUNA SPECIALIZZAZIONE E DI CIASCUNA ATTIVITÀ ULTRASPECIALISTICA. MALATTIE RARE (18) (Acquisizione competenze tecnico-professionali)

· A chi è diretto?

Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva Fisioterapisti

· Titolo

Crediti ecm

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Non appena riceveremo il lead di contatto risponderemo via email

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Cosa impari in questo corso?

PCI
PARALISI CEREBRALE INFANTILE
Disabilità
Disabilita cognitive
Genitori
Riabilitazione motoria
Sanità
Sanità pubblica
Gestione sanità
Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche
Controllo di gestione del sistema sanitario
Coordinamento delle professioni sanitarie
Coordinamento della professioni sanitarie
Neurologia
Neuropsicologia
Neuropsicomotricità
Neuropsichiatria
Psicomotricità infantile
Psicomotricità funzionale

Professori

Patrizia Maggiore
Patrizia Maggiore
fisioterapista

Programma

I GIORNATA

14,00-15,00: Approccio globale alla riabilitazione del disturbo tonico-posturo-motorio (P. Maggiore)

15,00-16,00: Approccio neuromotorio alla riabilitazione delle PCI

(F. Tamburella)

16,30-18,30: Danno cerebrale e plasticità del sistema motorio

(M. Marzio)

18,30-19,30: Tavola rotonda con la partecipazione del prof. Antonio Gisondi: l’evoluzione dell’approccio riabilitativo nelle PCI (A. Gisondi, M. Marzio, F. Tamburella, P. Maggiore)

II GIORNATA

9,00-10,00: Pci: dal quadro funzionale agli obiettivi

(P. Maggiore)

10,00-11,00: Osservazione e valutazione del paziente

(F. Tamburella)

11,30-13,30:

- Scale di valutazione

- Obiettivi del trattamento

- Concetti di anatomia palpatoria

(F. Tamburella)

14,30- 16,30:

- Accenni di palpazione

- Mobilizzazione articolare cingolo scapolare, cingolo pelvico, rachide

(F. Tamburella)

17,00-17,30: Verifica degli apprendimenti