ITA Formazione

Procedimento amministrativo digitale e tutela della privacy

ITA Formazione
A Roma
  • ITA Formazione

1.550 
+IVA
CORSO PREMIUM
Preferisci chiamare subito il centro?
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso intensivo
Livello Livello avanzato
Luogo Roma
Ore di lezione 13h
Durata 2 Giorni
Inizio Scegli data
  • Corso intensivo
  • Livello avanzato
  • Roma
  • 13h
  • Durata:
    2 Giorni
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DIGITALE E TUTELA DELLA PRIVACY
•MODIFICHE AL CAD D.LGS. 217/2017
•IL D.LGS. 101/2018 - ATTIVITA’ DI INTERESSE PUBBLICO NEL GDPR 2016/679/UE
•LA CIRCOLARE N. 1/2019 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULL'ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO

Strutture (1)
Dove e quando

Luogo

Inizio

Roma
Visualizza mappa
Via V. Veneto 62

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte
Scegli dataIscrizioni aperte

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Cosa impari in questo corso?

Codice dell’Amministrazione Digitale
D.Lgs. 13 Dicembre 2017
Regolamento UE n. 910/2014
IDAS
SPID
D.Lgs. 101/2018
GDPR 2016/679/UE
La PEC
Pubbliche amministrazioni
Legge 241/1990
Codice Privacy
“cittadino digitale”
Piano triennale dell’informatica
DPO
Art. 21 D.Lgs. 82/2005
Art. 52 D.Lgs. 174/2016
Wistleblowing
D.Lgs. 33/2013
FOIA
Procedimento telematico

Professori

Stefano Toschei
Stefano Toschei
Consigliere TAR Lazio

Programma

PROGRAMMA DEL CORSO
Il Codice dell’Amministrazione Digitale dopo il D.Lgs. 13 Dicembre 2017, n. 217

– disposizioni integrative del Regolamento UE n. 910/2014 eIDAS
– documento e firma elettronici
– identificazione elettronica in Italia e in Europa
– identità digitale (SPID)

Il D.Lgs. 101/2018 – attività di interesse pubblico nel GDPR 2016/679/UE

La PEC e il nuovo Domicilio Digitale
– obbligo di utilizzo della PEC
– nuove disposizioni in tema di PEC

L’esercizio dei poteri da parte delle pubbliche amministrazioni e delle società in mano pubblica

I principi della c.d. amministrazione digitale ed il necessario adeguamento organizzativo degli uffici

Il Responsabile della transizione digitale
– requisiti
– nomina, ruolo e poteri
– responsabilità
– rapporti con il responsabile del procedimento

Il nuovo procedimento amministrativo: le significative modifiche alla Legge 241/1990

Le fasi procedimentali e il fascicolo telematico

Il nuovo ruolo del protocollo informatico e la sua gestione

La formazione del fascicolo e l’avvio del procedimento

Decorrenza digitale dei termini e formazione del silenzio con valore provvedimentale

In particolare le conseguenze del nuovo silenzio assenso (art. 17-bis e art. 20 L. 241/1990)

I nuovi compiti e le connesse responsabilità del responsabile del procedimento

I rapporti tra responsabile del procedimento, dirigente, responsabile della pubblicazione e responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza

Redazione dei provvedimenti amministrativi e “mascheramento” dei dati nel rispetto del Codice Privacy

Competenze specifiche nelle conferenze di servizi

L’istruttoria telematica e i rapporti con il “cittadino digitale”

Il nuovo procedimento telematico
– le sub-fasi
– il fascicolo telematico
– i rapporti telematizzati con le altre amministrazioni per pareri e valutazioni tecniche
– l’istruttoria telematica ed i nuovi diritti partecipativi legati all’affermazione del principio di trasparenza

L’indirizzo telematico dell’utente privato e dell’amministrazione procedente
– metodi e tecniche per la legalizzazione dei rapporti e delle comunicazioni tra ufficio ed utente

L’utilizzo della posta elettronica come abituale strumento di comunicazione tra gli uffici e con gli interlocutori esterni

Insidie connesse ad una inadeguata conoscenza dei processi digitali e formule per il superamento delle criticità

Integrazioni con il Piano triennale dell’informatica della P.A. 2019-2021

Digitalizzazione dei processi e procedimenti come strumento di prevenzione della corruzione

Rapporti tra Responsabile del procedimento, Responsabile del trattamento dati e DPO

La comunicazione degli atti in formato digitale quale strumento legale per rendere efficaci i provvedimenti amministrativi

Le conseguenze dell’attuazione di atti inefficaci

La firma elettronica e la nullità degli atti firmati in formato tradizionale (art. 21 D.Lgs. 82/2005)

L’autotutela e le peculiarità delle nuove regole sull’annullamento d’ufficio e sulla revoca anche sotto il profilo del danno erariale (art. 52 D.Lgs.
174/2016)

La gestione in via telematica della segnalazione di illeciti (wistleblowing)

Conservazione ed accesso in ogni tempo dei documenti ed atti elettronici (artt. 41, 43 e 44 D.Lgs. 82/2005)

Collegamenti, adempimenti e relazioni tra Codice dell’Amministrazione Digitale (D.Lgs. 82/2005) e Codice della Trasparenza (D.Lgs. 33/2013)

Il nuovo accesso civico generalizzato (FOIA) e la gestione del relativo procedimento telematico
– organizzazione dell’ente
– attribuzione dei compiti tra i responsabili
– il coinvolgimento del controinteressato
– la trasmissione degli atti in via telematica
– la gestione dei ricorsi

La circolare n. 1/2019 della Presidenza del Consiglio dei Ministri di attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato
– individuazione dei controinteressati, notifiche e loro partecipazione alla fase di riesame
– strumenti tecnologici di supporto

Ulteriori informazioni

Per informazioni sui Crediti Formativi Professionali contattare la Segreteria ITA