Corso Completo Valutazione e Correttivi Stress Lavoro-correlato

I RELAX
A Roma

650 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Roma
  • Durata:
    1 Giorno
Descrizione

Obiettivo del corso: Fornire ai partecipanti le conoscenze pratiche richieste dalla legge, un panorama dei metodi in uso in Europa (standards, case histories, best practices), le modalità di utilizzo del sistema SMART(Stress Measurement of Average Risk Test) e soprattutto gli strumenti per ideare e realizzare i correttivi dimostratisi più efficaci a livello internazionale.Al termine del corso il medico competente, lo psicologo, lo RSSP, lo RLS sono messi in grado di realizzare autonomamente le procle procedure richieste dalla legge nella propria azienda o a favore dei propri clienti.
Rivolto a: Possono iscriversi Imprenditori, RSPP, Medici del Lavoro, Direttori delle Risorse Umane, Psicologi,Consulenti del Lavoro. I corsi sono a numero chiuso: minimo 10 iscritti, massimo 15 iscritti. Cosa si ottiene: Formazione specifica - Aggiornamento professionale - Abilitazione all’uso del modello SMART - Accesso Software per la registrazione e valutazione di 5000 schede persona nel corso del 2011 - Dati di comparazione Confindustria / Banca d’Italia / INAIL / ISTAT per i principali comparti industriali.

Informazione importanti

Documenti

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via Filippo Civinini n° 37, 00197, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Forte motivazione verso i problemi di salute fisica e psichica Forte motivazione verso il cliente diretto (azienda) e l'utente finale (lavoratori) Capacità di rapido apprendimento

Professori

matteo smolizza
matteo smolizza
PHD

Specialista nella gestione dello stress nella persona e in azienda. E' stato intervistato sull'argomento dai maggiori media nazionali, dal Sole 24 Ore a Uomini e Business.

Programma

PROGRAMMA BASE


1. Le fonti normative europee e nazionali, comprese le linee guida uscite il 17/11/2010:


 Costituzione
 C.C. 2087
 D.lgs 626/1994 e ss.mm.
 Trattato di Nizza
 Accordo Quadro Europeo UNICE/UEAPME/CEEP/CES 8.10.2004
 Accordo interconfederale CGIL, CISL, UIL, AGCI, Casartigiani, CLAAI, CNA,
Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confartigianato, Confcooperative,
Confesercenti, Confindustria, Confservizi, Legacooperative
 d.lgs 81/2008, 106/2009, 78/2010
 Indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavorocorrelato
del 17.11.2010
 Giurisprudenza: interpretazioni e sentenze
 Analogie e differenze rispetto al Mobbing


2. Cos’ è lo stress: in medicina, in psicologia, in economia:


 Eustress/distress – stress temporaneo, stress cronico
 Il modello ergonomico: dall’ambiente all’attrezzo
 Il modello biochimico: cortisolemia, indagine genetica
 Il modello psicologico: richiesta-risorsa, obiettivo-risultato, impegno-ricompensa
 i modelli di ottimizzazione spesa-risultato. Gli standard USA e UE


3. I principali metodi di raccolta e valutazione dei dati:


 Lo standard europeo PRIMA-EF
 Il network ENWHP
 Lo standard inglese HSE
 La riedizione italiana ISPESL
 I principali modelli regionali (applicabilità e limiti)
 I modelli statunitensi (NIOSH, OSHA, AIS)
 I sistemi informatici e a percorso obbligato
 I test psicometrici più diffusi in Italia
 Le fonti per i dati istituzionali
 La scelta dei parametri di confronto
 Il modello multidisciplinare


4. Quando e come attuare gli interventi correttivi: tipologie di intervento, case histories e best pratice a livello nazionale e internazionale:

 Interventi hard
 Interventi soft
 La Barcelona Declaration on Developing Good Workplace Health Practice in
Europe
 Modalità di comunicazione, monitoraggio e correzione degli interventi
 I casi internazionali
o Nokia
o AstraZeneca
o Google
o Duracell
o StatOil
o Elf
o Volkswagen
o Bayer
 I casi italiani
o Brunello Cucinelli Cachemire
o Acroplastica
o Angelantoni Industrie SpA
o Banca Agrileasing


5. Metodologie di intervento nelle piccole, medie e grandi imprese:


 Differenze funzionali e di obiettivo
 Costi e rischi reali
 Correttivi adeguati
 Relazioni con il cliente aziendale o le altre figure implicate nel processo (Datore di
Lavoro, Direttore Risorse Umane, RSPP, Medico Competente, RLS)
 La gestione delle riunioni in azienda a livello base (personale di base) e apicale
 La redazione del documento di valutazione del rischio stress lavoro-correlato e la
sua integrazione nel DVR