Corso di formazione per Datore di Lavoro RSPP - Rischio basso-medio-alto

CME formazione e sicurezza Srl
A Colle di Val d'Elsa

301-500
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso intensivo
  • Livello base
  • Per aziende
  • Colle di val d'elsa
  • 48 ore di lezione
  • Durata:
    1 Mese
Descrizione

Il corso è diretto ai Datori di Lavoro che vogliono assumere l'incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) dai rischi all'interno cella propria azienda. La frequenza al corso permette l'acquisizione delle conoscenze di base sulla legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, di valutazione dei rischi e di applicazione delle misure di prevenzione e protezione tali da consentire al Datore di Lavoro di gestire autonomamente la sicurezza dei propri lavoratori senza far ricorso a professionisti esterni

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Colle di Val d'Elsa
Zona industriale belvedere ingresso 5, Siena, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Essere Datore di Lavoro della propria azienda, così come definito ai sensi dell’art. 2 comma 1 lettera b) del D.Lgs. 81/08. Buona comprensione della lingua italiana.

Cosa impari in questo corso?

Normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro
Valutazione DEI RISCHI
Applicazione delle misure di prevenzione e protezione

Professori

 Cristiano Morini
Cristiano Morini
Ingegnere Civile Indirizzo Edile

 Riccardo Landozzi
Riccardo Landozzi
Dr. Specialista in Scienze Sanitarie della Prevenzione

Programma

ATTIVITA’ A RISCHIO BASSO – 16 ORE

MODULO 1 - GIURIDICO-NORMATIVO (4 ORE)

Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori

La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di personalità giuridica ex D.Lgs. 231/01 e s.m. e i.

Il sistema istituzionale della prevenzione

I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. 81/08: compiti, obblighi e responsabilità

Il sistema di qualificazione delle imprese

MODULO 2 - GESTIONALE – GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA (4 ORE)

I criteri e gli strumenti per l'individuazione e la valutazione dei rischi

La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi

La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori

Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie)

I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza

Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d'opera o di somministrazione

Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

La gestione della documentazione tecnico amministrativa

L'organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze

MODULO 3 - TECNICO – INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI (4 ORE)

I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione

Il rischio da stress lavoro-correlato

I rischi ricollegabili al genere, all'età e alla provenienza da altri paesi

I dispositivi di protezione individuale

La sorveglianza sanitaria

MODULO 4 - RELAZIONALE – FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI (4 ORE)

L'informazione, la formazione e l'addestramento

Le tecniche di comunicazione

Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda

La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Verifica finale di apprendimento

ATTIVITA’ A RISCHIO MEDIO – 32 ORE

MODULO 1 - GIURIDICO-NORMATIVO (8 ORE)

Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori: l’evoluzione della normativa di riferimento

Le normative europee: regolamenti, direttive e raccomandazioni

La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di personalità giuridica ex D.Lgs. 231/01 e s.m. e i.

Il sistema istituzionale della prevenzione: sistema sanzionatorio e organi di vigilanza

Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008: soggetti del sistema di prevenzione aziendale (compiti, obblighi e responsabilità)

Le responsabilità dei progettisti, dei fabbricanti, dei fornitori e degli installatori

Il sistema di qualificazione delle imprese

MODULO 2 - GESTIONALE – GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA (6 ORE)

I criteri e gli strumenti per l'individuazione e la valutazione dei rischi

La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi

La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori

Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie)

I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza: Linee Guida UNI INAIL 2001 e British Ohsas 18001:2007

Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d'opera o di somministrazione

L’idoneità tecnico professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi

Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

La gestione della documentazione tecnico amministrativa

L'organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze

MODULO 3 - TECNICO – INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI (12 ORE)

I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione

Rischi specifici connessi all’uso delle attrezzature di lavoro

La movimentazione manuale dei carichi:

• i rischi connessi con una delle attività più diffuse negli ambienti di lavoro

• metodologie per la valutazione dei rischi: sollevamento e spostamento, spinta e traino

• il rischio derivante dai movimenti ripetuti

Il rischio legato all’uso dei videoterminali:

• obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori

• norme e requisiti tecnici dei videoterminali

• ergonomia della postazione al videoterminale;

• sorveglianza sanitaria ed effetti sulla salute dell’uso dei videoterminali

Il microclima negli ambienti di lavoro

Il rischio da stress lavoro-correlato

I rischi ricollegabili al genere, all'età e alla provenienza da altri paesi

I dispositivi di protezione individuale

La segnaletica di sicurezza

La sorveglianza sanitaria

MODULO 4 - RELAZIONALE – FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI (6 ORE)

L'informazione, la formazione e l'addestramento

Gli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011: formazione dei lavoratori, preposti, dirigenti e datori di lavoro

La formazione dei lavoratori nell’uso delle attrezzature: l’Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012

Le tecniche di comunicazione

Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda

La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Verifica finale di apprendimento

ATTIVITA’ A RISCHIO ALTO – 48 ORE

MODULO 1 - GIURIDICO-NORMATIVO (8 ORE)

Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori: l’evoluzione della normativa di riferimento

Le normative europee: regolamenti, direttive e raccomandazioni

La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di personalità giuridica ex D.Lgs. 231/01 e s.m. e i.

Il sistema istituzionale della prevenzione: sistema sanzionatorio e organi di vigilanza

Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008: soggetti del sistema di prevenzione aziendale (compiti, obblighi e responsabilità)

Le responsabilità dei progettisti, dei fabbricanti, dei fornitori e degli installatori

Il sistema di qualificazione delle imprese

MODULO 2 - GESTIONALE – GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA (8 ORE)

I criteri e gli strumenti per l'individuazione e la valutazione dei rischi

La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi

La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori

Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie)

I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza: Linee Guida UNI INAIL 2001 e British Ohsas 18001:2007

Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d'opera o di somministrazione

L’idoneità tecnico professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi

Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

La gestione della documentazione tecnico amministrativa

L'organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze

MODULO 3 - TECNICO – INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI (24 ORE)

I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione

I dispositivi di protezione individuale

Agenti fisici:

• rumore

• vibrazioni

• campi elettromagnetici

• radiazioni ottiche artificiali

La sorveglianza sanitaria

Rischi specifici connessi all’uso delle attrezzature di lavoro

La sicurezza delle macchine e degli impianti:

• la Direttiva Macchine (D.Lgs. 17/00)

• le norme tecniche e le norme armonizzate

• la verifica periodica dei macchinari e delle attrezzature

• gli impianti elettrici

• la verifica periodica degli impianti di messa a terra e di protezione dalle scariche atmosferiche

La protezione dalle atmosfere esplosive

La valutazione del rischio da agenti chimici, cancerogeni e mutageni:

• definizioni, metodologie e riferimenti normativi

• le misure di tutela generali e specifiche

• caratteristiche dei DPI

Gli agenti biologici

La movimentazione manuale dei carichi:

• i rischi connessi con una delle attività più diffuse negli ambienti di lavoro

• metodologie per la valutazione dei rischi: sollevamento e spostamento, spinta e traino

• il rischio derivante dai movimenti ripetuti

Il rischio legato all’uso dei videoterminali:

• obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori

• norme e requisiti tecnici dei videoterminali

• ergonomia della postazione al videoterminale

Il microclima negli ambienti di lavoro

Il rischio da stress lavoro-correlato

I lavori in quota:

• il Titolo IV Capo II del D.Lgs. 81/08

• gli infortuni dovuti alle caduta dall’alto

• i DPI per la protezione delle cadute dall’alto

I rischi ricollegabili al genere, all'età e alla provenienza da altri paesi

La segnaletica di sicurezza

MODULO 4 - RELAZIONALE – FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI (8 ORE)

L'informazione, la formazione e l'addestramento

Gli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011: formazione dei lavoratori, preposti, dirigenti e datori di lavoro

La formazione dei lavoratori nell’uso delle attrezzature: l’Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012

L’individuazione dei bisogni formativi

La progettazione, la realizzazione e la valutazione di un processo formativo

Le tecniche di comunicazione

Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda

La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

La riunione periodica

Verifica finale di apprendimento

Ulteriori informazioni

Il Datore di Lavoro, così come definito ai sensi dell’art. 2 comma 1 lettera b) del D.Lgs. 81/08, può svolgere direttamente i compiti propri del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi ai sensi dell’art. 34 comma 1 del D.Lgs. stesso. Questa eventualità è possibile nelle ipotesi previste dall’Allegato II al D.Lgs. 81/08 e dandone preventiva informazione al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Ai sensi del citato Allegato II i casi in cui è consentito lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti propri del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi sono i seguenti: aziende artigiane e industriali  fino a 30 Lavoratori, aziende agricole e zootecniche fino a 30 Lavoratori, aziende della pesca fino a 20 Lavoratori, altre aziende fino a 200 Lavoratori. Il Datore di Lavoro che intende svolgere i suddetti compiti dovrà frequentare un corso di formazione in materia di sicurezza e salute sul luogo di lavoro, i cui contenuti, nonché le modalità di svolgimento ed i soggetti formatori sono stabiliti dall'Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. I contenuti e la durata dei percorsi formativi sono associati a tre differenti livelli di rischio (Basso 16 ore, Medio 32 ore, Alto 48 ore) da individuarsi in base al settore ATECO di appartenenza dell’azienda, che sono classificati nell’ Allegato II all'Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 . Per conoscere il proprio codice ATECO di riferimento basta consultare la visura camerale e fare riferimento all’attività indicata come prevalente/primaria. In caso di inizio di nuova attività, il datore di lavoro che intende svolgere i compiti propri del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi deve completare il citato percorso formativo entro e non oltre 90 giorni dalla data di inizio della propria attività.

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto