La disciplina comunitaria dei contratti di appalto e concessione

Ceida - Centro Italiano di Direzione Aziendale
Online

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Online
Descrizione

Il centro presenta a continuazione il programma pensato per migliorare le tue competenze e permetterti di realizzare gli obiettivi stabiliti. Nel corso della formazione si alterneranno differenti moduli che ti permetteranno di acquisire le conoscenze sulle differenti tematiche proposte. Inscriviti per poter accedere alle seguenti materie.

Informazione importanti

Programma

PROGRAMMA
Principi fondamentali e fonti della legislazione comunitaria. I rapporti tra normativa nazionale e regionale e quella europea: la prevalenza delle regole comunitarie e le indicazioni della giurisprudenza nazionale e della Corte di Giustizia. Ulteriori vincoli derivanti dal Trattato istitutivo. La legislazione comunitaria più recente ed il suo recepimento interno: le versioni aggiornate delle direttive "appalti pubblici" (2014/24/UE) e "settori speciali" (2014/25/UE) nonché la nuova direttiva "concessioni" (2014/23/UE).
La legge di delega ed i relativi criteri: il divieto di gold plating. Le logiche ispiratrici del legislatore europeo: semplificazione e flessibilità delle procedure; uso strategico dei contratti; accesso delle micro, piccole e medie imprese al mercato; legalità delle procedure.
I contenuti: la suddivisione degli appalti in lotti, obblighi di motivazione ed i limiti; l'unificazione dei servizi (ex allegati A e B); il nuovo regime delle esclusioni ed il soccorso istruttorio all'europea; il c.d. self-polishing; il Documento di Gara Unico Europeo ed il relativo regolamento di attuazione; la procedura competitiva con negoziazione ed i partenariati per l'innovazione; la riduzione dei termini di partecipazione alle gare; rilevanza delle tematiche sociali ed ambientali; l'utilizzo dei requisiti di terzi; accordi quadro e sistemi dinamici di acquisizione; l'offerta economicamente più vantaggiosa come criterio assorbente: il costo del ciclo di vita; la valutazione delle offerte anomale; modifiche dei contratti in corso di esecuzione: i profili sostanziali; la disciplina del subappalto; cooperazione orizzontale ed esecuzione in house; le regole per i settori speciali; le concessioni di lavori e servizi e la definizione del rischio tipico del concessionario. Il sottosoglia. I nuovi istituti e l'interpretazione di quelli esistenti alla luce delle decisioni della Corte di Giustizia: le modifiche al Codice dei contratti già disposte dalla l. 161/2014 (Comunitaria bis): avvalimento e conflitti di interesse in materia di progettazioni. Norme self executing e recenti indicazioni del Consiglio di Stato.
La direttiva 2007/66 sui ricorsi e la disciplina nazionale di recepimento: il d.l.vo 53/2010. Le procedure di ricorso. Il periodo di “standstill” e le limitazioni alla consegna prima della stipula del contratto. Gli obblighi di comunicazione degli esiti della partecipazione alle gare.

La direttiva 2011/7 sui termini di pagamento e la disciplina nazionale di recepimento (d.l.vo 192/12). I tempi di pagamento e la lotta contro i ritardi nelle transazioni commerciali. L’applicazione generale e la presunta specificità della disciplina in materia di lavori. Patti in deroga e limiti di ammissibilità.