Scienze dei Beni Culturali

Università degli Studi di Urbino
A Urbino

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Urbino
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Urbino
Via Aurelio Saffi, 2, 61029, Pesaro e Urbino, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Obiettivi formativi specifici
Il corso di laurea in Scienze dei beni culturali afferisce alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Urbino, offre una solida formazione di base metodologica e storica, sulla base degli specifici percorsi individuati (Storia, conservazione e promozione dei beni archeologici, Discipline storico-artistiche, Analisi e valorizzazione dei beni storico-artistici, Archivistica e biblioteconomia, Documentazione e promozione del patrimonio culturale) nel campo dello studio storico-scientifico e dei metodi di ricerca, gestione e promozione del patrimonio culturale nazionale.
Una specifica attenzione è dedicata alla conoscenza delle discipline giuridiche necessarie alla tutela del patrimonio, all'acquisizione di competenze tecniche per gli interventi di organizzazione della ricerca e di gestione, allo sviluppo di capacità di comunicazione e promozione che utilizzino anche le tecnologie telematiche.
La laurea in Scienze dei beni culturali consente di svolgere (sia su un piano generale che per i diversi ambiti definiti) attività di sostegno alla ricerca, di assistenza agli interventi di gestione programmata, di catalogazione, di promozione e divulgazione del patrimonio. Tali attività potranno essere svolte sia all'interno delle istituzioni pubbliche cui compete la tutela dei beni culturali, sia nel più generale contesto degli interventi di valorizzazione (organizzazione di mostre e convegni, attività editoriali e di marketing).

Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
Per iscriversi al corso di laurea in Scienze dei beni culturali è richiesto un diploma di scuola secondaria superiore.
Gli studenti stranieri devono sostenere una prova di accesso di conoscenza della lingua italiana.

Caratteristiche della prova finale
La prova finale consiste in un elaborato scritto seguito da un docente e discusso con un correlatore davanti a una commissione

Ambiti occupazionali previsti per i laureati
Al fine di garantire una formazione adeguata e coerente agli obiettivi del corso, si sono delineati cinque percorsi differenziati che consentono, per ciascuna area di riferimento, di raggiungere un significativo livello di preparazione storica e metodologica:
·Storia, conservazione e promozione dei beni archeologici: curriculum volto all'acquisizione di una solida metodologia per operare nel settore del patrimonio architettonico, delle arti figurative e dei documenti della cultura materiale del mondo antico, con particolare attenzione alla valutazione storica, culturale e artistica del contesto archeologico; i laureati sono in grado di svolgere attività di ricerca applicata e di indagine sul campo ed acquisiscono una preparazione idonea alla tutela, gestione e promozione dei beni archeologici.
·Discipline storico-artistiche: curriculum volto alla acquisizione di una solida conoscenza della storia delle forme artistiche dal Medioevo all'età contemporanea, anche con riferimento ai loro aspetti teorici e tecnici, accompagnata da una adeguata formazione di base nelle discipline storiche, linguistiche e letterarie, dall'età classica all'età contemporanea; i laureati sono in grado di svolgere attività di ricerca applicata e attività professionali nei settori dei servizi e delle istituzioni culturali
·Analisi e valorizzazione dei beni storico-artistici: curriculum volto all'acquisizione di una conoscenza specifica delle materie attinenti al settore dei beni culturali storico-artistici, dal Medioevo all'età contemporanea, con nozioni fondamentali sulla legislazione di tutela, museologia, museografia, restauro e storia delle tecniche artistiche, nonché di adeguate competenze in merito alla comunicazione, all'amministrazione e alla valorizzazione dei beni culturali; i laureati sono in grado di svolgere attività professionali presso enti locali e nel Ministero per i beni e le attività culturali, presso istituzioni specifiche e aziende che operano nel settore della tutela e della valorizzazione dei beni culturali storico-artistici.
··Archivistica e biblioteconomia: curriculum volto all'acquisizione di una solida conoscenza delle discipline del documento e del libro, con particolare riferimento alla produzione e gestione dei sistemi documentari archivistici e bibliotecari, con un approfondimento specifico delle competenze giuridiche e storico-istituzionali, uno studio adeguato dei processi comunicativi e organizzativi e lo sviluppo di capacità avanzate per l'uso degli strumenti informatici e telematici. I laureati sono in grado di svolgere attività di ricerca applicata e attività professionale nel settore degli archivi, delle biblioteche e della produzione documentaria, nonché nella progettazione e gestione di servizi documentari in ambito sia pubblico che privato, anche in ambiente digitale, in funzione del soddisfacimento di bisogni informativi e di conoscenza di diverse tipologie di utenza, oltre che di conservazione, descrizione e valorizzazione delle risorse documentarie.
.·Documentazione e promozione del patrimonio culturale: curriculum volto alla formazione di documentalisti in grado di operare nel settore della comunicazione e valorizzazione del patrimonio culturale, con particolare riferimento alla capacità di progettare e gestire in ambito telematico contenuti informativi e sistemi documentari finalizzati alla gestione, uso e comunicazione del patrimonio culturale. Il curriculum assicura l'acquisizione di una conoscenza storica e metodologica per la progettazione, gestione e conservazione di sistemi informativi documentari orientati alla comunicazione e promozione del patrimonio culturale, con nozioni di base sulla organizzazione del patrimonio storico-artistico, archeologico e archivistico-librario, nonché sulla legislazione di tutela, sulla museologia e museografia, nonché di adeguate competenze in merito alla comunicazione, all'amministrazione e alla valorizzazione dei beni culturali. Particolare attenzione è riservata allo sviluppo di capacità di organizzazione e gestire sistemi informativi e di comunicazione multimediali e di predisporre e conservare contenuti digitali strutturati. I laureati sono in grado di svolgere attività professionali presso enti locali e nel Ministero per i beni e le attività culturali, presso istituzioni specifiche e aziende che operano nel settore della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale.

Lauree specialistiche alle quali sarà possibile l'iscrizione (senza debiti formativi)
2/S Lauree spec. in archeologia
5/S Lauree spec. in archivistica e biblioteconomia
95/S Lauree spec. in storia dell'arte
Analisi e valorizzazione dei beni storico-artistici

Attività di base
Discipline dell'ambiente e della natura

CFU 1
ICAR/15: ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO
Discipline storiche

CFU 20
M-FIL/06: STORIA DELLA FILOSOFIA M-FIL/07: STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA M-STO/01: STORIA MEDIEVALE M-STO/02: STORIA MODERNA M-STO/04: STORIA CONTEMPORANEA M-STO/05: STORIA DELLA SCIENZA E DELLE TECNICHEM-STO/07: STORIA DEL CRISTIANESIMO E DELLE CHIESE
Letteratura italiana

CFU 5
L-FIL-LET/10: LETTERATURA ITALIANATotale CFU 26

Attività caratterizzanti
Beni archivistici e librari

CFU 5
L-FIL-LET/13: FILOLOGIA DELLA LETTERATURA ITALIANAM-STO/08: ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA
Beni demoetnoantropologici e ambientali

CFU 5
M-DEA/01: DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE M-GGR/01: GEOGRAFIA SPS/08: SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI
Beni storico-artistici e archeologici

CFU 55
ICAR/18: STORIA DELL'ARCHITETTURAL-ANT/07: ARCHEOLOGIA CLASSICAL-ANT/08: ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALEL-ART/01: STORIA DELL'ARTE MEDIEVALEL-ART/02: STORIA DELL'ARTE MODERNAL-ART/03: STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEAL-ART/04: MUSEOLOGIA E CRITICA ARTISTICA E DEL RESTAURO
Legislazione dei beni culturali

CFU 10
IUS/09: ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICOIUS/10: DIRITTO AMMINISTRATIVOTotale CFU 75

Attività affini o integrative
Civilta antiche e medievali

CFU 10
L-FIL-LET/02: LINGUA E LETTERATURA GRECAL-FIL-LET/04: LINGUA E LETTERATURA LATINAL-FIL-LET/05: FILOLOGIA CLASSICAL-FIL-LET/08: LETTERATURA LATINA MEDIEVALE E UMANISTICA
Tecnologie dei beni culturali

CFU 15
BIO/08: ANTROPOLOGIACHIM/02: CHIMICA FISICACHIM/05: SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI POLIMERICITotale CFU 25

Attività specifiche della sede
CFU 20
ICAR/16: ARCHITETTURA DEGLI INTERNI E ALLESTIMENTOINF/01: INFORMATICAL-ART/01: STORIA DELL'ARTE MEDIEVALEL-ART/04: MUSEOLOGIA E CRITICA ARTISTICA E DEL RESTAUROL-ART/06: CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONEL-ART/07: MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICAM-FIL/06: STORIA DELLA FILOSOFIA SECS-P/10: ORGANIZZAZIONE AZIENDALETotale CFU 20
Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 10Per la prova finaleCFU 9
Prova finale
CFU 9
Lingua...

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto