Storia, Scienze e Tecniche della Musica e dello Spettacolo

Università degli Studi di Roma Tor Vergata
A Roma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Roma
Descrizione

Obiettivo del corso: Gli obiettivi formativi qualificanti il corso di laurea consistono nel portare lo studente: a un'adeguata formazione di base relativa ai settori della musica, del teatro, del cinema, della televisione e dello spettacolo; al possesso di strumenti metodologici e critici adeguati all'acquisizione di competenze nei linguaggi espressivi.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via Columbia, 1, 00133, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma d’istruzione secondaria quinquennale di II grado

Programma

CORSO DI LAUREA IN STORIA, SCIENZE E TECNICHE DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (Classe XXIII - Scienze e tecnologie delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda)

INFORMAZIONI GENERALI

Presidente: Prof. Alfredo Eduardo Bellingeri
Vice Presidente: Prof. Giorgio Sanguinetti

Riferimenti per l’indirizzo Musica:
Prof. Agostino Ziino
Prof. Giorgio Adamo
Prof. Claudia Colombati
Prof. Giorgio Sanguinetti

Riferimenti per l’indirizzo Spettacolo:
Prof. Alfredo Eduardo Bellingeri
Prof. Adriano Aprà
Prof. Giovanni Spagnoletti
Prof. Donatella Orecchia

Il corso di studio rappresenta, nell'ambito del nuovo ordinamento didattico, la ridefinizione del corso già attivato in: “Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo (DAMS). Indirizzo Musica e Indirizzo Spettacolo”.

OBIETTIVI FORMATIVI

Gli obiettivi formativi qualificanti il corso di laurea consistono nel portare lo studente: a un'adeguata formazione di base relativa ai settori della musica, del teatro, del cinema, della televisione e dello spettacolo; al possesso di strumenti metodologici e critici adeguati all'acquisizione di competenze nei linguaggi espressivi, delle tecniche e dei contesti delle manifestazioni specifiche; a un uso sicuro degli strumenti informatici e della comunicazione telematica, negli ambiti specifici di competenza; a essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione Europea, oltre all'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio delle informazioni generali; alla capacità di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi d'autonomia e d’inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro; ad avere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione.

ACCESSO

Iscrizione
Le direttive per l’immatricolazione e l’iscrizione sono deliberate annualmente dal Senato Accademico, a norma dell’art. 7, comma uno del Regolamento didattico d’Ateneo. Lo studente sceglierà, alla presentazione del piano di studi o in ogni caso entro il 30 novembre del primo anno del Corso di Laurea, la modalità di frequenza agli insegnamenti a tempo pieno o a tempo parziale.
Nel mese di settembre sono previste prove di orientamento e accesso programmato per l’immatricolazione ai Corsi di Studio.
Le prove sono obbligatorie anche per chi intenda iscriversi in seguito a passaggio, trasferimento o abbreviazione di corso da altro Corso di Laurea dell’Ateneo di Tor Vergata o di diverso Ateneo.

Norme di frequenza
Coloro che scelgono l'impegno a tempo pieno sono tenuti alla frequenza dei corsi previsti dal curriculum dell’ordinamento didattico del Corso di Laurea o dal piano di studi individuale. La frequenza sarà verificata da ogni docente secondo le modalità che riterrà opportune. La modalità di studio per coloro che scelgono il tempo parziale e l’eventuale organizzazione delle attività formative specifiche sono deliberate dal Consiglio del Corso di Laurea: tale modalità comporterà un programma d’esame concordato con il singolo docente, per il corso che lo studente non si è impegnato a frequentare. Lo studente che sceglie il tempo parziale è comunque tenuto a frequentare i laboratori o gli stages previsti dall'ordinamento alla lettera f).

Ammissione al corso di Laurea
Il diploma d’istruzione secondaria quinquennale di II grado (Legge n. 910 / 11 dic. 1969, art. 1) è titolo d’ammissione al Corso di Laurea in Storia, Scienze e Tecniche della musica e dello spettacolo, la cui durata è fissata in tre anni accademici (D.M. 509 del 3/11/1999).
Limitatamente al solo indirizzo musica è richiesta anche una conoscenza musicale di base che sarà verificata all'inizio dell'anno accademico per mezzo di un test di valutazione obbligatorio per tutti i nuovi iscritti. Gli studenti che non superano il test sono tenuti a frequentare, entro il primo anno, un corso di grammatica musicale. Alla fine del corso, se la valutazione è positiva, verrà rilasciata una dichiarazione di idoneità con la quale si potranno sostenere gli esami relativi alle discipline appartenenti ai settori disciplinari L-ART/07 e L-ART/08

ARTICOLAZIONE DEL CORSO DI LAUREA

Articolato come il precedente DAMS nei due indirizzi di Musica e Spettacolo, il Corso di Laurea comprende un nucleo d’attività formative di base che guidano gli indirizzi del Corso di studio nelle discipline dei settori storico-musicali e dello spettacolo. Un secondo nucleo d’attività formative riguarda le discipline caratterizzanti i settori storico-umanistici che consentono, assieme alle attività formative affini o integrative, sia il completamento della formazione culturale e professionale di base sia il mantenimento dell’inter-settorialità con altri Corsi di studio della Facoltà.

Al compimento degli studi, ovvero con la maturazione di 180 Crediti formativi universitari (CFU), è rilasciata la Laurea in Storia, scienze e tecniche della musica e dello spettacolo, titolo necessario per accedere ai Corsi di Laurea specialistici biennali per coloro che vogliono approfondire le discipline della Musica e dello Spettacolo.

Per la determinazione dei CFU si conviene che n. 1 CFU equivale a 25 ore di lavoro, articolato nel modo seguente:

a) Lezioni frontali in presenza;
b) Seminari, esercitazioni ed attività di laboratorio;
c) Studio personale.

Ad n. 1 ora di lezione frontale (a) corrispondono n. 2 o 2,5 ore di studio personale (c). A n. 1 ora di seminario, esercitazioni o altra attività didattica assimilabile (b) corrisponde n. 1 ora di studio personale (c)

La somma di 180 CFU che deve essere conseguita nei tre anni del Corso è così ripartita:
1) 150 CFU nelle attività formative collegate ai settori scientifico disciplinari;
2) 10 CFU nelle attività formative a scelta dello studente;
3) 10 CFU nelle altre attività formative;
4) 10 CFU alle attività formative relative alla prova finale e alla conoscenza della lingua straniera della UE.
Nelle attività affini o integrative si deve comprendere, oltre alla frequenza alle attività di laboratorio, anche la partecipazione a conferenze, seminari, proiezioni di filmati, alle rappresentazioni teatrali, concerti, incontri con personalità della musica e dello spettacolo, ascolti guidati e commentati di testi e brani musicali.

MODALITÀ DELLA DIDATTICA

I corsi di insegnamento constano di lezioni frontali, seminari, esercitazioni e attività didattica assimilata, corrispondenti complessivamente a 5 o a 10 CFU (MOD. A e MOD. B). Gli insegnamenti sono articolati in moduli didattici, con corrispondente attribuzione di CFU. L’acquisizione di 10 CFU comporta la frequenza delle attività didattiche e il superamento delle verifiche e degli esami relativi ai moduli di insegnamento. Le ore di insegnamento per ogni corso sono, di norma, 80, per l’acquisizione di 10 crediti, la metà per l’acquisizione di 5. I crediti sono comprensivi della frequenza e dello studio individuale dello studente. Il credito non ha alcun rapporto con il voto che quantifica l’impegno per superare l’esame.

ORIENTAMENTO E TUTORATO

Le attività di orientamento e tutorato sono svolte dai docenti appartenenti alle varie aree disciplinari, in modo da fornire allo studente un sostegno all’interno del percorso formativo.

PROVA FINALE

Caratteristiche della prova finale
La prova finale consiste nella discussione di un lavoro scritto, in cui il candidato dimostri di saper affrontare e discutere, con rigore metodologico, temi e problematiche relativi alla Musica o allo Spettacolo. La lunghezza dell’elaborato scritto non dovrà essere inferiore alle 40 pagine, corrispondenti a circa 80mila caratteri.

STRUTTURE DIDATTICHE

Biblioteca, Stages, Laboratori e altre attività
Nella Biblioteca d’area letteraria-storico-filosofica è presente una sezione dedicata alla musicologia. La Biblioteca, inoltre, possiede il Fondo Claudio Casini e il Fondo Nino Pirrotta, di particolare interesse per il periodo medievale e rinascimentale e per l’ampia raccolta di fonti originali in microfilm o in fotocopia.

I docenti del Corso di Laurea si fanno promotori di iniziative che riguardano il campo della pratica musicale, aperte a tutti gli studenti iscritti e dispone di spazi attrezzati per gli audiovisivi, di un’audiovideoteca dotata di postazioni audio e video per l’ascolto in cuffia di CD di filmati in VHS.

Per quanto riguarda l’area dello Spettacolo, gli studenti possono consultare il fondo Luigi Chiarini, un’importante dotazione libraria nei settori del Cinema e del Teatro. Si ricorda agli studenti che all’interno dell’indirizzo spettacolo sono attivati stages, laboratori, tirocini, incontri con le personalità del teatro e del cinema. Si ricorda anche che le attività del Teatro di Tor Bella Monaca sono aperte alla partecipazione degli studenti del Corso di Laurea.

Ulteriori informazioni

Stage: Possibilità di stages

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto