Progetto Divenire - Formazione e Ricerca in Psicoterapia Autogena

Operatore di Training Autogeno Superiore

Progetto Divenire - Formazione e Ricerca in Psicoterapia Autogena
A Torino e Milano
  • Progetto Divenire - Formazione e Ricerca in Psicoterapia Autogena

700 
CORSO PREMIUM
Preferisci chiamare subito il centro?
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Seminario pratico
Livello Livello avanzato
Luogo In 2 sedi
Ore di lezione 60h
Durata 6 Mesi
Inizio Scegli data
  • Seminario pratico
  • Livello avanzato
  • In 2 sedi
  • 60h
  • Durata:
    6 Mesi
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione

Emagister.it è lieto di presentare il corso “Operatore di Training Autogeno Superiore” del centro Progetto Divenire. Un tipo di formazione rivolta a medici, psicologi, psicoterapeuti, operatori psico-socio-sanitari dei servizi pubblici e privati, nonché a tutti coloro che, avendo già una buona esperienza nel Training Autogeno di Base desiderano completare l’apprendimento delle Tecniche Autogene e intraprendere una migliore conoscenza personale.

Grazie al percorso formativo impartito i partecipanti approfondiranno tematiche riguardanti la personalità e aspetti esistenziali della propria persona.

Il corso, della durata di 60 ore, è tenuto presso le sedi di Milano e Torino. Programma approfondito del corso disponibile a fondo pagina con tutti i dettagli dell’offerta.

Strutture (2)
Dove e quando

Luogo

Inizio

Milano
Visualizza mappa

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte
Torino
Visualizza mappa

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte

Da tener presente

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Gli obiettivi del Corso di secondo livello di T.A. aprono un orientamento analitico che permette di approfondire tematiche riguardanti la personalità e aspetti esistenziali della propria persona.

· A chi è diretto?

medici,psicologi, psicoterapeuti, operatori psico-socio-sanitari dei servizi pubblici e provati e a coloro che vogliono completare l'apprendimento del T.A

· Requisiti

Corso base nel Training Autogeno e l'attestazione di Psicologo o Medico.

· Titolo

Operatore di Training Autogeno Superiore (II livello) Albo E.C.A.T.

· In cosa si differenzia questo corso dagli altri?

Il Centro Divenire è riconosciuto dall'albo Italiano I.C.S.A.T e da quello Europeo E.C.A.A.T per gli operatori di Training Autogeno.

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Scrivere all'indirizzo email: progettodivenire@gcom.it .com oppure lasciare un numero di cellulare

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Cosa impari in questo corso?

Rilassamento
Training autogeno
Stress
Autogeno
Arte terapia
Arte e psicologia
Benessere
Salute psichica
Psicoterapia
Analisi comportamentale
Formazione Superiore
Psicanalisi
Psicologia comportamentale
Salute mentale
Salute
Motivazione
Analisi del comportamento
Psiche
Meditazione Autogena
Training

Professori

Luciano Palladino
Luciano Palladino
Psicologo - Psicoterapeuta - Direttore Didattico Centro Divenire

Direttore didattico del Centro Divenire, da oltre 25 anni lavora nel campo della Psicoterapia Autogena con articoli e pubblicazioni scientifiche.Fa parte del consiglio Direttivo dell'albo Europeo del Training Autogeno. Svolge Psicoterapia Autogena, gruppi di meditazione e gruppi di psicodinamica con le tecniche del rilassamento. Psicodramma, training autogeno superiore e ipnosi.

Programma

Corso Operatore di Training Autogeno Superiore

Programma

La tecnica meditativa autogena nel ciclo superiore.

Esercizi standard.
Il fine degli esercizi del ciclo superiore è quello di lasciare affiorare alla coscienza contenuti inconsci dalla psiche per eliminare conflitti, blocchi emotivi, vissuti traumatici, rendere più forte e consapevole l'io: le finalità sono analoghe al percorso psicanalitico.
Il ciclo superiore del training autogeno è un metodo originale di psicoterapia.


Il colore spontaneo.
Il primo esercizio consiste nel lasciar affiorare un colore, nella "scoperta di un colore o di vissuti che possono esprimere immagini e sensazioni cromatiche libere".

Il colore intenzionale.

Si tratta di sperimentare una visualizzazione del prisma dei colori per entrare in contatto lo spettro solare e con la propria relazione dei vissuti cromatici.

Il colore personale.

Ciascuno di noi ha un colore personale che rispecchia la propria tonalità affettiva. Far affiorare il colore personale significa avvicinarsi e far emergere l'affettività.
Lasciar affiorare i vari colori per incontrare il proprio colore è un modo per superare le resistenze e rendere più profonda ,e vasta l'emersione di contenuti psichici latenti.

Sede riconosciuta Albo Professionale E.C.A.A.T, I.C.S.A.T, I.S.A.T.A.P

ViaTenivelli 15, 10138, Torino

Visualizzazione degli oggetti astratti.

Consiste nella visualizzazione di forme geometriche nello spazio visivo dell'interiorità: come nelle associazioni libere gli oggetti visualizzati sono legati a ricordi, sentimenti, contenuti inconsci che trovano una via per la coscienza.

Visualizzazione di oggetti concreti.

Consiste nell'entrare in contatto con oggetti confidenziali della propria vita quotidiana o di oggetti simbolici che possono rappresentare aspetti significativi della vita in generale.

Visualizzazione di concetti astratti o allegorici.

Si tratta di sviluppare un percorso nella visualizzazione di concetti astratti, come "bellezza", giustizia", felicità" ecc, e far emergere la risonanza emotiva interiore ad essi associata.

Vissuto personale.

Non si tratta tanto di visualizzare ma di percepire interiormente: emersione di stati d'animo, di esperienze, di avvenimenti.
Un materiale inconscio assai ricco e pregnante può emergere così dalle profondità della psiche.

Visualizzazione di persone.

Consiste nel visualizzare una persona o più persone che abbiano un valore ed un significato specifico per il soggetto: questo esercizio permette un ulteriore emersione di vissuti, sentimenti, avvenimenti correlati ad un rapporto personale, e quindi particolarmente significativi e pregnanti per comprendere quali e che tipo di relazioni costruisce nella sua vita affettiva e relazionale.

Dialogo con l'inconscio.

Questo esercizio consiste in "risposte dell'inconscio"
Possono essere risposte a domande poste dal terapeuta o a domande che il soggetto stesso si pone.
Questo esercizio supera in profondità tutti gli altri: non si tratta più di far soltanto emergere materiale inconscio ma di attingere alle sorgenti di intuizione, consapevolezza e saggezza delle profondità psichiche, abitualmente scarsamente raggiungibili.
Dopo aver liberato le inibizioni le resistenze e i blocchi possono con questo esercizio emergere le ricchezze dell'inconscio che contribuiranno all'evoluzione personale e all'autorealizzazione.

Il corso di formazione per Operatori di Training Autogeno di Base si concluderà con la supervisione dei casi (almeno due incontri non inclusi nella quota d’iscrizione) da svolgere con il Didatta. Ogni candidato sceglierà di poter concludere il percorso sulla metodologia autogena trattando due soggetti con il T.A. e di argomentare il tutto in una tesina finale. Questo permette di svolgere l'esame di iscrizione all'albo professionale italiano (I.C.S.A.T.) ed europeo (E.C.A.A.T.) degli operatori di training autogeno.