Corso di Formazione per Consulente Igiene degli Alimenti e gestione del Sistema H.A.C.C.P.

A.I.Nu.C.
Online

1.830 
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Qualifica professionale
  • Online
  • 54 ore di studio
  • Durata:
    Flessible
Descrizione

Il corso estremamente interessante strutturato in modo da acquisire con facilità e velocemente le nozioni base per la stesura del piano di autocontrollo e l'esercizio della consulenza in aziende di piccolo-medio taglio. Il programma infatti non è tipo accademico e nozionistico ma parte dall'esperienza diretta di chi esercita da anni la professione di consulente per la produzioni alimentari e dunque conosce le difficoltà che si possono incontrare e le conoscenze che occorre mettere in campo.
Il consulente è una figura di riferimento ormai consolidatra nelle industrie alimentari di ogni tipo, in quanto la sua professionalità è alla base della corretta implementazione delle produzioni e sopratutto della gestione degli adempimenti pratico-buropcratici a carico degli Operatori.
Il corso è inoltre corredato da un piano di autocontrollo realizzato dal Resp. scientifico Dott.ssa Cristina Zuccaccia da dispense anche queste non di carattere nozionistico ma contenenti le informazioni di base per acquisire una forma mentis "da consulente" che sa riconoscere le esigenze del cliente. Sempre a disposizione dell'utente ci sono i protocolli operativi forniti dalla Dott.ssa Zuccaccia così da averli subito disponibili per iniziare il lavoro.Ogni lezione è accompagnata da slides.Inoltre nel corso è garantito il tutoraggio online per cui si potranno fare domande al docente che
risponderà via mail.

Informazione importanti

Cosa impari in questo corso?

Consulente haccp
Consulente igene degli alimenti

Professori

Dott.ssa Cristina Zuccaccia
Dott.ssa Cristina Zuccaccia
Biologa Esperta in Igiene degli alimenti e nutrizione umana, Docente d

Programma

L’HACCP e la sua applicazione:
quando e perché nasce: il D.L.vo 155/97
come si evolve nel nostro Paese
cosa dice la legge: il Reg. CE 852/2004
obblighi
ADEMPIMENTI PRATICI e procedure permanenti
La DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA’ e LA DICHIARAZIONE DI
AGGIORNAMENTO ED IL CAMBIO DI RAGIONE SOCIALE
La stesura della RELAZIONE TECNICA

IL RUOLO DEL CONSULENTE Le sfaccettature del mondo degli alimenti
La PRODUZIONE PRIMARIA
La commercializzazione e distribuzione (suddivisione tra distribuzione refrigerata e non)
La GDO (grande distribuzione organizzata)
La RISTORAZIONE COMMERCIALE
La RISTORAZIONE COLLETTIVA
La rivendita al dettaglio

Il QUADRO NORMATIVO DI BASE ITALIANO: L.283/62, DPR 327/80
Introduzione all’HACCP:
Il PACCHETTO IGIENE
Definizione di IGIENE DEGLI ALIMENTI
Il CODEX ALIMENTARIUS
La RESPONSBILITA’ della sicurezza alimentare; il RIA
Il PIANO DI AUTOCONTROLLO: i SETTE PRINCIPI
IDENTIFICAZIONE DI UN CCP
Le GMP
Spiegazione dei dettagli tecnici di come si costruisce un PIANO DI
AUTOCONTROLLO
Il LAY-OUT DI STRUTTURA: come si pianifica una struttura nella quale si trattano alimenti
L’analisi della produzione e la definizione dei processi di produzione: I DIAGRAMMI DI FLUSSO e l’identificazione dei CCP
L’attribuzione dei MONITORAGGI STRUMENTALI e delle SCHEDE DI MONITORAGGIO
I monitoraggi interni ed i monitoraggi esterni: ANALISI CHIMICO-FISICHE E MICROBIOLOGICHE
La manutenzione della struttura
LA REVISIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO: GLI AUDIT INTERNI ED ESTERNI

*****
GLI ALIMENTI, I RISCHI, LE PRODUZIONI, LE TECNOLOGIE ALIMENTARI:
LA GESTIONE DEGLI ALIMENTI
Prima, seconda, terza, quarta e quinta GAMMA
Prodotti secchi, sottovuoto, inscatolati, freschi a tem. Amb., freschi nel banco frigo, congelati e surgelati, confezionati e sfusi
CARATTERI ORGANOLETTICI DEGLI ALIMENTI
ADDITIVI ALIMENTARI
RISCHI AI QUALI UN ALIMENTO VA INCONTRO E ALTERAZIONI DEGLI ALIMENTI
MICROBIOLOGIA DEGLI ALIMENTI
CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI (calore, freddo, disidratazione,
radiazioni, conservazione chimica, atmosfera modificata, affumicatura)
TECNOLOGIE INDUSTRIALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI
COTTURA nella ristorazione collettiva
LE PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI
ANALISI MICROBIOLOGICHE PER LA DEFINIZIONE DELLA QUALITA’ MICROBIOLOGICA DI UN ALIMENTO ed il Reg. 2073/2004 e laboratori accreditati
Analisi microbiologiche ambientali
PROFILO CHIMICO-FISICO DELL’ALIMENTO (nitriti e nitrati; filth test)
BUONE PRATICHE DI LAVORAZIONE e norme generali per l’acquisto, lavorazione e conservazione delle derrate; in particolare il raffreddamento ed il congelamento autonomo nella ristorazione collettiva
IL RIFORNIMENTO IDRICO
LA GESTIONE DEI RIFIUTI
PIANI DI PULIZIA: PRINCIPI DI DETERGENZA E DISINFEZIONE
LA LOTTA AGLI INFESTANTI
IGIENE DEL PERSONALE
IL TRASPORTO DEGLI ALIMENTI

*****
APPROFONDIMENTI SUGLI ALIMENTI E LE NORMATIVE
CENNI DI BASE SULLE CARATTERISTICHE E PROPRIETA’ DEI
PRINCIPALI ALIMENTI:
Latte
Burro
Formaggio
Uova
Carne
Pesce (rischio ANYSAKIS)
Olio di oliva ed altri olii
ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI
ALLERGENI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO: D.Lg.vo 8/02/2006 N°114
OBBLIGHI NELLA RISTORAZIONE:
Utilizzo del latte in polvere
Sale iodato
Indicazione dei prodotti surgelati/congelati sul menù
La produzione di ALIMENTI TIPICI
LA RINTRACCIABILITA’: Regolamento (CE) 178/2002
LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA DEGLI OPERATORI

*****
SANZIONI, IL RUOLO ULTIMO DEL CONSULENTE: I COMPITI E LE
RESPONSABILITA’
IL QUADRO NORMATIVO SANZIONATORIO E LE ISPEZIONI NAS/ASL: Reg. 854/2004; D.Lg.vo 6/11/2007 N°193
Legge sulla privacy e delega delle responsabilità
Il ruolo ultimo del Consulente nella sorveglianza e negli adempimenti
ESEMPI PRATICI DI GESTIONE DI CLIENTI

Ulteriori informazioni

Crediti ECM: 50

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto