Corso di Perfezionamento in Metodi Geofisici Applicati al Monitoraggio Ambientale- Gfisamb

Università degli Studi di Siena
A San Giovanni Valdarno

1.000 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso post laurea
  • San giovanni valdarno
  • 184 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Il corso si pone l'obiettivo di presentare ed approfondire le metodologie geofisiche applicabili nello studio di problematiche ambientali quali discariche, frane, siti archeologici, inquinamento delle risorse idriche, radioattività naturale, etc.
Rivolto a: Il Corso di Perfezionamento GFISAMB si rivolge a professionisti e dottorandi che, stimolati dalle nuove richieste delle normative vigenti, intendono acquisire un approccio consapevole alle moderne tecnologie geofisiche.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
San Giovanni Valdarno
Via Vetri Vecchi, 34 , 52027, Arezzo, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Per l'ammissione al Corso è richiesto il possesso di una laurea

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

La struttura del Corso di Perfezionamento GFISAMB è fortemente mirata all'applicazione in campagna dei diversi metodi geofisici così da fornire un bagaglio di conoscenze applicative utili per il proseguimento delle attività. I partecipanti potranno usufruire di un servizio didattico completo, caratterizzato da una docenza appartenente sia al mondo accademico che a quello professionale con alle spalle una lunga esperienza nel campo della geofisica applicata.

Le attività didattiche sono suddivise in quattro moduli:

Metodi di prospezione geoelettrica (64 ore 6 CFU);

Metodi di prospezione sismica (56 ore 6 CFU);

Metodologie (GPR 32 ore 3 CFU)

Geofisica nucleare (32 ore 3 CFU).

Tutti i moduli, dopo una breve introduzione teorica al metodo oggetto di studio, dedicano molto tempo all'acquisizione di misure in campagna e all'elaborazione in laboratorio dei dati raccolti.

Grande attenzione viene data all'interpretazione consapevole del dato geofisico, attraverso il confronto con casi di studio e l'interazione dialettica tra competenze diverse di tipo geologico, ingegneristico, fisico ed archeologico.

Il primo modulo vuol fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie per un'indagine geoelettrica, insegnando ad utilizzare sul campo georesistivimetri ad accoppiamento galvanico ead accoppiamento capacitivo, con la possibilità di analizzare in fase di postprocessing i dati raccolti ed elaborare modelli di resistività del sottosuolo.

Nel secondo modulo vengono affrontate le tecniche di rilevamento di sismica attiva (a riflessione e a rifrazione) e di sismica passiva; l'elaborazione dei dati raccolti permetterà di confrontare i diversi metodi ed interpretare i risultati ottenuti nell'ambito della normativa vigente. Il terzo modulo è dedicato all'approfondimento dell'utilizzo del GeoRadar in ambiti sia urbani che geologici, con particolare attenzione all'elaborazione in fase di postprocessing attraverso software dedicati. Nel quarto modulo, in collaborazione con l'INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), vengono illustrate le principali applicazioni delle tecnologie nucleari ai problemi del monitoraggio della radioattività dei suoli, delle rocce e dei materiali per l'edilizia.

Ulteriori informazioni

Stage: non previsto
Alunni per classe: 24

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto