Esperto in Diritto Immigrazione e Cooperazione Internazionale

GenuenSIS CIC Corsi di formazione
A distanza

352 
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Master
  • A distanza
  • 245 ore di studio
  • Durata:
    8 Mesi
  • Quando:
    Da definire
  • Crediti: 12
  • Invio di materiale didattico
Descrizione

Obiettivo del corso: L’ingresso dello straniero nel territorio le condizioni richieste per l’accesso. Il lavoro la disciplina dei flussi migratori, lo Sportello Unico per l’Immigrazione, la regolarizzazione in corso di approvazione.La disciplina del soggiorno dei minori stranieri e ricongiungimento familiare, i minori al compimento dei 18 anni, i minori stranieri non accompagnati. Rivolto a: professionisti, avvocati, giornalisti, magistrati, assistenti sociali, forze polizia, studenti, operatori ambito medico e sociale.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
A distanza

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessun requisito specifico è richiesto, basta essere diplomati o laureati a qualsiasi livello.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Immigrazione
Mediazione culturale
Mediazione sociale
Cooperazione internazionale
Cooperazione allo sviluppo
Diritto degli stranieri
Diritto comunitario
Diritto dell'immigrazione
Asilo politico
Infanzia
Diritto penale internazionale
Diritti umani
Lavoro dello straniero
Psicologia infantile
Psicologia delle migrazioni
Sociologia delle migrazioni
Multiculturale
Croce Rossa Internazionale
Mezzaluna rossa
Geopolitica

Professori

sandro valletta
sandro valletta
prof

Simona Morganti
Simona Morganti
psicologa

presidente dell'associazione non profit psicologiainsieme.

simone la bella
simone la bella
prof economia

Valeria Lupidi
Valeria Lupidi
sociologa

sociologa criminalpol

Programma

L’Associazione Genuensis C.I.C – senza scopo di lucro e l'Associazione di promozione sociale A.P.S. WECARE no profit, con la collaborazione dell’UNLA-UCSA (Unione Nazionale per la Lotta contro l’Analfabetismo- Università di Castel Sant’Angelo Roma), con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Vignole e Montagna Pistoiese s.c., con la Croce Rossa Italiana - Comitato Locale della Piana Pistoiese – Agliana Montale Quarrata, con il patrocinio del Ministero dell’Interno(in attesa di concessione), con il patrocinio del Consgilio dell'Ordine degli Avvocati di Prato (24 Crediti), della Provincia di Firenze, di Prato e di Pistoia, dei Comuni di Prato(PO), Quarrata - Montale e Agliana (PT), dellaFacoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Camerino e dell’A.N.V.U. e U.G.L. P.S., hanno attivato per l’anno 2012 una collaborazione finalizzata alla formazione sui tema dell’immigrazione e sulla multiculturalità.Il pluralismo culturale è divenuto una realtà delle società contemporanee e anche di quella italiana.L’insieme dei fenomeni definiti, a volte semplicisticamente come “globalizzazione” impone di acquisire consapevolezza del fatto che le culture sono ormai miste, intrecciate tra di loro e sottoposte a reciproca influenza, ma anche a reciproci contrasti, anche sotto il profilo giuridico.. Ciò però non vuol dire che il mondo è diventato o diventerà omogeneo, anzi, alcune culture per fronteggiare tali dinamiche ritenute minacce, tenderanno a chiudersi in se stesse e a far nascere nuovi fondamentalismi.Compito della mediazione culturale dovrebbe essere quello di acquisire la consapevolezza di favorire il confronto tra individui di culture diverse favorendone la coesione sociale.In un contesto storico di un Europa costituita da 27 Stati nei quali si parlano 22 lingue “maggiori” ed altrettante “minori”, si aggiungono le lingue, le culture, le norme giuridiche, le esigenze di milioni di individui di etnie provenienti da ogni angolo del mondo. Quale approccio deve realizzarsi per coloro che nelle realtà nazionali, imprenditoriali, sociali devono affrontare tali tematiche?.Le ragioni della necessità di approfondire il rapporto con i residenti extracomunitari sul territorio italiano, pari ormai al 5,2% della popolazione, per un totale di più di 3 milioni di individui di sesso femminile e maschile e di usi, costumi e religione diversi tra loro e spesso in contrasto tra loro sono diventate ormai inderogabili far conoscere e valutare le politiche di cooperazione attualmente utilizzate dai principali donatori nazionali ed internazionali;poter affrontare studi di cooperazione e saperli gestire sotto il profilo dell’organizzazione economica e delle risorse umane in funzione degli obiettivi;acquisire strumenti operativi e conoscenze tecniche per realizzare interventi di cooperazione internazionale allo sviluppo e di aiuto umanitario;valutare e monitorare progetti di sviluppo e di emergenza;interagire con efficienza e diplomazia con i partner coinvolti nella cooperazione;cooperare con altre culture e popoli attraverso progetti di sviluppo per i paesi poveri e per una maggiore comprensione e sensibilità di una realtà sempre più globalizzata;conoscere le organizzazioni ong e le istituzioni dicooperazione internazionali

Ulteriori informazioni

Informazioni sul prezzo : 3 rate. se lo studente e' in difficolta puo concordare il pagametno con la direzione sia le rate che le modalità.
Validazioni: riconosiute
Alunni per classe: 40
Persona di contatto: Dr. SAmuele Solarino

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto