Il Lavoro Dell’attore – the Method

Utopiabââ
A Milano

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Milano
  • Durata:
    9 Mesi
Descrizione

Obiettivo del corso: A lavorare in teatro. Il teatro, dal greco ??a (théa, ossia "vista"), è un’arte che comprende in sé tutte le arti performative; si basa sul “qui e ora” e sulla capacità degli attori di guardarsi e comprendersi, capire, percepire come sta l’altro e in base a ciò che si intuisce agire di conseguenza nonostante il testo e le azioni siano già state prefissate.
Rivolto a: Il corso è rivolto a coloro che desiderano iniziare un percorso alla scoperta di se stessi e della relazione con l'altro, ed in particolare agli attori interessati ad un teatro di ricerca basato sulla verità in scena.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Milano
via Pomponazzi, 15, 20141, Milano, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

disponibilità alla trasformazione, puntualità, disciplina, capacità di ascolto

Professori

Nives Camisa
Nives Camisa
Pedagogista, mediatrice di conflitti

Si forma come attrice e regista alla Comuna Baires per cui svolge anche attività di pubbliche relazioni. Inoltre apprende il Metodo Stanislavskij presso il F.I.T.I. (Federazione Internazionale Teatri Indipendenti) con seminari, tra gli altri, in Polonia, Cecoslovacchia, Spagna, Svezia.Continua la sua formazione con Living Theatre, T. Kantor, J. Grotowski e altri. Frequenta laboratori di Biodanza.Cofondatrice e corealizzatrice di “Willaldea-il Villaggio del Teatro”.Come Mediatrice si forma con il C.M.F.M. (Centre de Médiation et de Formation à la Médiation di Parigi), insegnante Daniela Gaddi.

Rosi Di Costanzo
Rosi Di Costanzo
Laureata in Scienze Motorie all’I.S.E.F

Si forma nella Comuna Baires diretta da Renzo Casali. Dal '83 fino al '10 è attrice, assistente alla regia degli spettacoli della C.B. oltre che insegnante e coordinatrice della Scuola.Partecipa alla fondazione e realizzazione di “Willaldea- il villaggio del teatro” in Argentina dove inoltre svolge attività pedagogica sia a Willaldea che in Buenos Aires.Negli anni approfondisce la sua formazione attraverso stage di danza e acrobatica con: Compagnia “A fleur de peau” Parigi; Simon Furnes Londra; Gustavo Vallejos La Plata,(R.A.); Norberto Presta Italia; Aldo El Jatib Rosario(R.A.)

Programma

CORSO DI TEATRO – Il lavoro dell’attore
Frequenza settimanale
Linguaggio del corpo
Esercizi di Metodo dell’attore
Analisi di scene tratte da film o testi di teatro

Linguaggio del corpo
Diceva Vsevolod E. Mejerchol’d “Se eliminiamo la parola, il costume, il proscenio, le quinte, la sala, finché rimane l’attore ed i suoi movimenti, il teatro resta teatro”.

Per la persona/attore è fondamentale conoscere il linguaggio del proprio corpo (limiti e possibilità) e allenarsi fisicamente e psichicamente giacché è esso stesso il materiale e l’organizzatore di questo materiale.

Il corpo parla un linguaggio che anticipa e trascende l’espressione verbale.

I gesti, gli atteggiamenti, i silenzi spesso sono la chiave di lettura per la verità dei rapporti umani, le parole non dicono tutto. Di qui la necessità di acquisire consapevolezza degli infiniti modi e mezzi per esprimere l’inespresso e svelare quanto è nascosto. Cercare il mondo attraverso il corpo, cercare le piccole emozioni per arrivare alle grandi. Un allenamento che esercita il corpo, ma non solo: un’apertura delle “porte” che conducono all’emersione dell’anima.

Programma del corso:

  • Tono e forza muscolare
  • Qualità dell’energia
  • Impulsi e riflessi
  • Coordinazione ed equilibrio
  • Respirazione
  • Consapevolezza, superamento dei limiti del proprio corpo
  • Disponibilità: attenzione, ascolto, concentrazione
  • Lavorare con e per l’altro e/o con gli altri
  • Spazio esterno, spazio interno
  • Emozioni, atmosfere
  • Immaginario e gioco
  • Improvvisazione, le azioni fisiche

Esercizi di Metodo dell’attore – l’improvvisazione come strumento creativo

Elementi teorici e pratici dell’esercizio di tecnica dell’attore secondo il Metodo Stanislavskji-Mejerchol’d

L’Improvvisazione non è un fine in sé, è la base lavoro dell’attore, e si rivela utile solo attraverso la ricerca, il rigore, l’accurata e dettagliata preparazione individuale per poter strutturare la spontaneità e trattare il materiale ottenuto in tutti i modi possibili e, quindi, essere usata nel lavoro con l’altro, con gli altri. Quindi l’attore sa quello che ha preparato ma non saprà come improvviserà, quali azioni farà e come, poiché tutto questo è l’IMPROVVISAZIONE, il QUI e ORA del teatro.

“… l’improvvisazione è un’educazione dell’istinto” (J. Copeau)

Programma del corso:

Primo contatto
Antagonista e Protagonista
L’attività dell’antagonista
La richiesta del protagonista
La spirale conflittiva
Il corpo che scrive nello spazio
La poetica del non detto
I rapporti
Gli strumenti della conoscenza dell’altro
L’improvvisazione
Il lavoro sul Personaggio

Analisi di scene tratte da film o testi di teatro

Durante il corso saranno proiettate ed analizzate scene tratte da opere cinematografiche e/o teatrali esemplificative degli argomenti trattati.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto