Università degli Studi di Genova

Metodologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali

Università degli Studi di Genova
A Genova

2001-3000 €
Preferisci chiamare subito il centro?
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Master
Luogo Genova
Durata 2 Anni
Inizio Scegli data
  • Master
  • Genova
  • Durata:
    2 Anni
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione

Il corso di laurea ha come finalità la formazione di ricercatori ed esperti nel campo della diagnostica, della conservazione e del restauro dei beni culturali, che integrino competenze scientifiche e storico-artistiche. La didattica riguarda la caratterizzazione chimica e fisica dei materiali e dei relativi processi di degrado, lo studio delle tecniche artistiche e di quelle di prevenzione e restauro e la conoscenza - teorica e pratica - delle principali metodologie analitiche applicate.

Strutture (1)
Dove e quando

Luogo

Inizio

Genova
Visualizza mappa
Via Balbi, 5, 16126

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte

Da tener presente

· A chi è diretto?

La sfera di attività dell'Esperto scientifico dei beni culturali comprende: università ed enti di ricerca pubblici e privati istituzioni del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo preposte alla tutela dei beni culturali musei, biblioteche, archivi laboratori di restauro case d'aste diagnostica associata alla mobilizzazione delle opere d'arte

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Cosa impari in questo corso?

Ricerca
Preventiva
Chimica
Fisica
Biologia
Mineralogia
Geologia
Tecnica
Storica
Artistica
Scientifica

Programma

Il corso di laurea è finalizzato alla formazione di esperti nel campo della diagnostica per la conservazione e il restauro dei beni culturali.

Gli insegnamenti forniscono solide conoscenze sulla caratterizzazione dei materiali e dei loro processi di degrado e sulle tecniche analitiche utili a una campagna di analisi per la ricerca, la conservazione preventiva e il restauro. Le nozioni fondamentali di chimica, fisica, biologia, mineralogia, geologia e archeometria consentono al laureato magistrale di risolvere problematiche tecnico-scientifiche negli interventi di conservazione e restauro di manufatti, anche polimaterici e in contesti ambientali differenti. Il solido background storico-artistico, archivistico e biblioteconomico valorizza la sua azione di tecnologo.

Lo Scienziato per la Conservazione possiede, al termine degli studi, una buona conoscenza delle discipline storico-artistiche e/o archeologiche, una valida padronanza metodologica e operativa delle tecniche scientifiche applicabili alla conservazione del patrimonio culturale e le competenze per progettare protocolli di diagnostica interdisciplinare complessa, predisponendo interventi conservativi ad alto contenuto tecnologico.

Il laureato magistrale possiede i requisiti per accedere ai percorsi di alta formazione - scuola di specializzazione, dottorato - e alla ricerca scientificaavanzata nelle scienze applicate alla conservazione e al restauro.


Confronta per scegliere al meglio:
Leggi tutto