Quality Seal Emagister EMAGISTER CUM LAUDE
Quality Seal Emagister EMAGISTER CUM LAUDE

Executive Master in Amministrazione, Finanza e Controllo

MELIUSform Business School
A Roma e Milano
  • MELIUSform Business School
Sconto iscrizione anticipata

3.900 € 2.925 
+IVA

Consiglio questo corso soprattutto per la preparazione e la disponibilità del corpo docente, insegnanti validi e che trasmettono la passione per la materia. Il materiale didattico fornito è completo e molto utile.

L'OPINIONE DI Sara
Preferisci chiamare subito il centro?
06622... Leggi tutto
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Master
Inizio In 2 sedi
Durata 3 Mesi
Inizio lezioni 04/11/2017
altre date
Descrizione

MELIUSform Business School presenta il Executive Master in Amministrazione, Finanza e Controllo rivolto a manager, professionisti e dipendenti aziendali che desiderano specilizzarsi nell’amministrazione, finanza e il controllo della gestione aziendale.

Il Master, della durata di tre mesi da svolgere in aula, ha come obiettivo quello di integrare le conoscenze tradizionali di analisi economico-finanziaria con quelle maggiormente specialistiche della finanza aziendale e della programmazione e del controllo di gestione.

Il programma del corso, dettagliato in fondo alla pagina, introdurrà i partecipanti al bilancio come strumento di informazione e controllo. Si inizierà dallo studio del business plan fino alla valutazione dei progetti di investimento aziendale. Spazio anche alla due diligence, alle operazioni fianziarie e ai sitemi di gestione e programmazione.

Informazioni importanti

Earlybird: SCONTO del 25% sulla quota di partecipazione ECCEZIONALMENTE PROROGATO al 25 LUGLIO 2017 per tutte le iscrizioni pervenute entro tale data.

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
04 novembre 2017
Milano
Corso di Porta Romana 46, 00122, Milano, Italia
Visualizza mappa
04 novembre 2017
Roma
Via Palestro 24, 00185, Roma, Italia
Visualizza mappa
Inizio 04 novembre 2017
Luogo
Milano
Corso di Porta Romana 46, 00122, Milano, Italia
Visualizza mappa
Inizio 04 novembre 2017
Luogo
Roma
Via Palestro 24, 00185, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Laurea in discipline economiche, giuridiche, statistiche, ingegneristiche con indirizzo gestionale oppure pregressa esperienza professionale nell'area tematica di competenza

Opinioni

S
Sara
17/07/2017
Il meglio Consiglio questo corso soprattutto per la preparazione e la disponibilità del corpo docente, insegnanti validi e che trasmettono la passione per la materia. Il materiale didattico fornito è completo e molto utile.

Da migliorare Niente da migliorare.

Consiglieresti questo corso? Sí.
S
Stefano
17/07/2017
Il meglio Ho portato a termine il percorso formativo con successo, nonostante non avessi alle spalle una preparazione economica. Il materiale didattico è un valido aiuto, molto esauriente. Ottimo rapporto qualità prezzo.

Da migliorare Niente da migliorare.

Consiglieresti questo corso? Sí.
N
Nicola
17/07/2017
Il meglio Le spiegazioni risultano chiare ed accessibili a tutti grazie a un corpo docente preparato professionale. Ottimo ausilio sono i materiali didattici offerti dalla scuola, completi ed esaurienti.

Da migliorare Niente da migliorare.

Consiglieresti questo corso? Sí.
M
Massimiliano
17/07/2017
Il meglio Gli argomenti che mi hanno appassionato di più sono sicuramente, l'analisi di bilancio, gli strumenti finanziari e i sistemi di Copertura del Fabbisogno. Il prezzo del master è equo, soprattutto in rapporto alla qualità del materiale didattico fornito, sia cartaceo che online. Sono rimasto molto soddisfatto.

Da migliorare Niente da migliorare.

Consiglieresti questo corso? Sí.
D
Domenico
26/06/2017
Il meglio Ho trovato questo master una garanzia in quanto a qualità, efficienza ed efficacia. L'approccio esperenziale proposto è stato utile per assimilare gli argomenti trattati. In particolare il modulo riguardante l’analisi di bilancio, è stato essenziale per approfondire le componenti del bilancio. Il mio giudizio è estremamente positivo, personale cordiale, organiffazione efficiente e materiale didattico esaustivo. Sono stato seguito passo passo dai docenti e grazie alla piattaforma e-learning ho potuto recuperare le lezioni perse.

Da migliorare Niente da migliorare

Consiglieresti questo corso? Sí.
A
Andrea
26/06/2017
Il meglio Ho trovato l'Executive Master in Finanza e Controllo molto valida, specialmente i moduli sull’Analisi di Bilancio e sull’implementazione del Business Plan. Grazie al lavoro pratico su un caso di Business Plan mi sono potuto confrontare realmente con problemi pratici, e sono sicuro che questo avrà un impatto positivo nella mia carriera professionale. Organizzazione e materiale didattico ottimo, ho apprezzato molto la possibilità di recuperare le eventuali assenze attraverso la piattaforma e-learning.

Da migliorare Niente da migliorare

Consiglieresti questo corso? Sí.
N
Nicola
26/06/2017
Il meglio Consiglio l'Executive Master in Finanza e Controllo soprattutto per i moduli sul bilancio e sulla tesoreria, molto approfonditi e dettagliati. Un percorso formativo che mi ha arricchito professionalmente, grazie anche alle competenze operative che ho acquisito. Il materiale didattico è interessante e completo, l'organizzazione ottima.

Da migliorare Niente da migliorare, sono rimasto molto soddisfatto soprattutto per il rapporto qualità prezzo.

Consiglieresti questo corso? Sí.

Cosa impari in questo corso?

Finanza e controllo
Managerial accounting
Bilancio
Analisi per indici
Analisi per flussi
Financial Modeling
Business plan
Capital Budgeting
Analisi degli investimenti
Tesoreria aziendale
Finanza aziendale
Controllo aziendale
Programmazione aziendale
Controllo di gestione
Progettazione aziendale
Sistemi di gestione
Project management
Amministrazione aziendale

Professori

Team Docenti
Team Docenti
Team Docenti

Programma

Modulo: MANAGERIAL ACCOUNTING

IL BILANCIO COME STRUMENTO DI INFORMAZIONE E CONTROLLO

Lezione 1 - IL BILANCIO E LE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE COME STRUMENTO DI INFORMAZIONE, MONITORAGGIO E CONTROLLO DELLA GESTIONE D’IMPRESA

  • L'approccio all'analisi dei bilanci (o delle situazioni contabili infrannuali)
  • I passi da compiere per passare dal bilancio civilistico al bilancio gestionale
  • Le riclassificazioni per l’analisi e per il controllo economico-finanziario dell’impresa
  • I principali modelli (schemi gestionali) di riclassificazione dello Stato Patrimoniale e del Conto economico
  • Le novità introdotte in tema di bilancio d'esercizio (D.Lgs.139 del 18 agosto 2015, di attuazione della direttiva europea 2013/34/UE)

Lezione 2 - LE VOCI DELLO STATO PATRIMONIALE: ESAME ANALITICO E CRITICO DELLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

Lezione 3 - LE VOCI DEL CONTO ECONOMICO: ESAME ANALITICO E CRITICO DELLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

Lezione 4 - L'ANALISI DELL'AZIENDA PER INDICI (Parte 1)

  • Calcolo ed interpretazione degli indici di bilancio
  • L’analisi temporale e spaziale degli indici
  • Sistema di rappresentazione degli indici ad “albero” (albero del ROE e del ROI)
  • Gli indici "reddituali", di "rotazione", "finanziari" (di struttura e di situazione finanziaria);
  • Gli altri indici;
  • Il modello E.V.A. (Stern & Stewart) e le sue determinanti: NOPAT (Net Operating Profit After Taxes) e WACC (Weighted Average Cost of Capital).

Lezione 5 - L'ANALISI DELL'AZIENDA PER INDICI (Parte 2)

  • I limiti degli indici di bilancio nella loro dimensione “statica” e “dinamico/statica” in contrapposizione con l’evoluzione sempre dinamica della gestione d’impresa
  • Le interpretazioni fuorvianti derivanti da un'analisi condotta esclusivamente con gli indici
  • La visione ‘organica’ e ‘coordinata’ degli indici per una valutazione unitaria ed integrata della gestione d'impresa
  • Le interferenze contabili, extracontabili e fiscali nell'analisi dei bilanci per indici e le rettifiche suggerite per una migliore analisi


Lezione 6 - LA COSTRUZIONE DI UN MODELLO DI ANALISI PER INDICI CON L'USO DI EXCEL® (esercitazione in aula con PC)

  • Riclassificazione guidata con Excel® di tre bilanci di un'impresa industriale, calcolo e analisi dei principali indici di Bilancio (caso Ratio)
  • Discussione in aula del caso aziendale

Lezione 7 - L'ANALISI PER “FLUSSI” FINANZIARI

  • La nozione di “flusso”, “fonte”, “impiego” e “liquidità”
  • La costruzione del prospetto delle “fonti” e degli “impieghi”
  • Le rettifiche da apportare ai valori grezzi (contabili, nominali, compensativi) per far emergere i flussi finanziari effettivi
  • Metodologia di costruzione dei principali rendiconti finanziari: dei flussi totali (total funds statement); dei flussi del capitale circolante (working capital statement; dei flussi di liquidità (cash flow statement)
  • Il "Cash Flow Statement" quale mezzo di controllo finanziario e di valutazione della gestione finanziaria dell'impresa

Lezione 8 - LA COSTRUZIONE DI UN MODELLO DI ANALISI PER FLUSSI FINANZIARI CON L'USO DI EXCEL®

Lezione 9 - LA COSTRUZIONE DI UN MODELLO DI ANALISI DI BILANCIO CON L’USO DI EXCEL® (esercitazione in aula con PC)

  • Riclassificazioni e collegamenti in Excel® Stato Patrimoniale e Conto Economico;
  • Le Rettifiche Patrimoniali: Crediti incagliati, Leasing, Finanziamenti medio lungo termine, ecc.
  • Le Rettifiche Economiche: Leasing, ammortamenti, oneri finanziari, ecc.
  • Costruzione degli Indici: Reddituali e Finanziari (di rischiosità e di solvibilità);
  • Costruzione del Rendiconto Finanziario in Excel®, tramite collegamenti Conto Economico e Stato Patrimoniale;
  • Costruzione del Prospetto di Fonte impieghi in Excel®, tramite collegamenti con lo Stato Patrimoniale;

Lezione 10 - LA COSTRUZIONE DI UN MODELLO DI VALUTAZIONE DEI BILANCI E DEL MERITO DI CREDITO DELLE IMPRESE CON L’USO DI EXCEL® (esercitazione in aula con PC)

Modulo: BUSINESS PLAN

BUSINESS PLANNING & FINANCIAL MODELLING: DAL BUSINESS PLAN ALLA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI INVESTIMENTO

Lezione 11 - BUSINESS PLANNING & FINANCIAL MODELING (parte 1)

  • Concetti generali idonei alla comprensione degli obiettivi, delle finalità e dei destinatari del Business Plan;
  • Identificazione della struttura formale del documento, del Project Memorandum e del Piano Economico Finanziario;
  • Descrizione del Business di riferimento (analisi del contesto competitivo dell’Azienda, analisi del posizionamento competitivo e del piano/strategia di marketing delineata);
  • Analisi dell’attuale struttura organizzativa aziendale.

Lezione 12 - BUSINESS PLANNING & FINANCIAL MODELING (parte 2)

  • Strutturazione del Piano Economico Finanziario (impostazione della struttura, definizione delle principali assumptions e predisposizione dei prospetti previsionali di Conto Economico, Stato Patrimoniale e Cash Flow statement);
  • Conto Economico previsionale (economics): Modello dei ricavi e dei costi
  • Situazione finanziaria prospettica: Le componenti del circolante di funzionamento (working capital), la redazione del prospetto delle fonti e degli impieghi fissi e di funzionamento
  • L’individuazione del fabbisogno finanziario e le analisi finanziarie per la copertura dei fabbisogni. Cenni sulle strategie di finanziamento
  • Model documentation e file management
  • Business Modeling – Useful Tips e Testing & Checks.

Lezione 13 - LA COSTRUZIONE DI UN MODELLO DI BUSINESS PLAN CON L’USO DI EXCEL®

  • I Piani economici aziendali
  • I Piani patrimoniali e finanziari
  • La Costruzione degli schemi riepilogativi
  • La formazione degli schemi prospettici pluriennali: Conto economico, Stato patrimoniale, Rendiconto finanziario, Indici aziendali, su fogli Excel®
  • L’aggregazione dei dati economici, patrimoniali e finanziari su fogli Excel®
  • La quadratura del prospetti economico-finanziari previsionali attraverso la leva della liquidità/esigibilità immediata
  • L’analisi di what-if

Lezione 14 - L’ANALISI DEGLI INVESTIMENTI, LE FONTI FINANZIARIE OTTIMALI DI COPERTURA E L’APPLICAZIONE DELLE TECNICHE DI CAPITAL BUDGETING

  • Determinazione dei flussi di cassa rilevanti
  • Il Discounted Cash Flow
  • L’analisi degli investimenti attraverso i principali indicatori: NPV, IRR, payback period di progetto
  • Le modalità di finanziamento e il ‘capital budgeting’: le scelta fra indebitamento e ricapitalizzazione; il costo del capitale (W.A.C.C.)
  • Decisioni di investimento in condizioni di risorse finanziarie limitate e in situazione di crisi
  • L’analisi di what-if

Modulo: TESORERIA AZIENDALE

LA TESORERIA AZIENDALE E IL TREASURY MANAGEMENT

Lezione 15 - LA TESORERIA AZIENDALE COME STRUMENTO DI PREVISIONE E CONTROLLO DEI FLUSSI MONETARI (parte 1)

  • Dal Business & Financial Planning al Budget Finanziario e dal Budget Finanziario al Piano di Tesoreria
  • La tesoreria come strumento di controllo sistematico della liquidità aziendale nelle PMI
  • La gestione degli incassi e dei pagamenti
  • Controllo ed ottimizzazione della dinamica della liquidità aziendale

Lezione 16 - LA TESORERIA AZIENDALE COME STRUMENTO DI PREVISIONE E CONTROLLO DEI FLUSSI MONETARI (parte 2 con esercitazione in aula con PC)

Costruzione guidata di un piano di Tesoreria (per periodi mensili) partendo dalla conoscenza delle informazioni certe del sistema di contabilità generale dell’impresa e integrando le informazioni extracontabili nascenti dalla contabilità ordini e dei Budgets

Lezione 17 - LA TESORERIA MULTIVALUTA E IL CASH POOLING

  • Le modalità di gestione della tesoreria: operatività e strumenti
  • La tesoreria "multivaluta"
  • Il Cash Pooling
  • Esercitazione in aula con PC


Lezione 18 - LA VALUTAZIONE DI MERITO DELLE BANCHE

  • Basilea 2, 3 e 4: concetti base e sua evoluzione futura
  • I modelli di "credit scoring";
  • Il ruolo delle Banche all'interno all'interno della crisi economica: introduzione agli strumenti derivati.

Lezione 19 - LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI (RISK MANAGEMENT) (parte 1)

  • Mappatura e valutazione dei rischi finanziari in azienda;
  • Il rischio di cambio, il rischio tasso di interesse e il rischio delle commodities.

Lezione 20 - LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI (RISK MANAGEMENT) (parte 2 - con esercitazione pratica)

  • I Derivatives come strumenti di copertura: tipologie ed operatività;
  • Esercitazione pratica sulla gestione dei rischi finanziari

Lezione 21 - IL CALCOLO DEI COSTI EFFETTIVI DELLE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO, DEI PRINCIPALI INDICATORI SINTETICI (TAN, TAE, TAEG) – ESERCITAZIONE IN AULA CON PC CON L’USO DI EXCEL®

Lezione 22 - LA RILEVAZIONE DELL'ANATOCISMO E DELL'USURA

Modulo: VALUTAZIONE D'AZIENDA

VALUTAZIONE D'AZIENDA

Lezione 23 - BUSINESS VALUATION (parte 1): IL DISCOUNTED CASH FLOW

  • I principali metodi di valutazione e razionale sottostante l’applicazione
  • Il Discounted Cash Flow method
  • La Stima del Costo del Capitale (WACC)
  • Metodologie di stima del Costo del Capitale Proprio (Cost of Equity)
  • La Stima del Growth Rate
  • La costruzione dei flussi di cassa
  • Analisi delle proiezioni esplicite
  • Stima del tasso di attualizzazione
  • Stima del Terminal value

Lezione 24 - BUSINESS VALUATION (parte 2): CASE STUDY DEL METODO DCF.

  • Presentazione del Case Study
  • Sessione sullo sviluppo di un’analisi sull’industry di riferimento e sulla performance storica
  • Applicazione del metodo DCF

Lezione 25 - BUSINESS VALUATION (parte 3): ADJUSTED PRESENT VALUE E METODO DEI MULTIPLI

  • Adjusted Present Value Method
  • Analisi delle proiezioni esplicite
  • Stima dello Scudo d’imposta
  • Stima del tasso di attualizzazione

Lezione 26 - BUSINESS VALUATION (parte 4)

  • Metodi Misti-Patrimoniali
  • Metodo Patrimoniale semplice e complesso
  • Metodo Misto Patrimoniale Levered e Unlevered
  • Stima del valore di partecipazioni
  • Stima sconti di liquidità e di minoranza
  • Stima Premi di controllo

Modulo: FINANCIAL DUE DILIGENCE

FINANCIAL DUE DILIGENCE

Lezione 27 - FINANCIAL DUE DILIGENCE (parte 1)

  • Overview del processo di acquisizione
  • Overview del processo di vendita
  • Overview degli attori coinvolti nel processo
  • Obiettivi della due diligence e relative procedure
  • Struttura del report di due diligence
  • EBITDA normalizzato
  • Definizione di EBITDA

Lezione 28 - FINANCIAL DUE DILIGENCE (parte 2)

  • Case Study EBITDA normalizzato
  • PFN rettificata
  • Definizione di PFN
  • Obiettivo della normalizzazione
  • Principali fattispecie
  • Case Study PFN rettificata

Modulo: LE OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA E DISTRESSED M&A

Lezione 29 - LE OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA

  • Aggregazioni e ristrutturazioni societarie: le motivazioni sottostanti e le possibili strategie
  • Le operazioni di acquisizione
  • Fusioni (dirette o inverse) e scissioni
  • L’acquisto di partecipazioni mediante la sottoscrizione di un aumento di capitale
  • Il targeting
  • La bancabilità dell’operazione
  • La fase precontrattuale e l’information memorandum
  • La due diligence nelle operazioni di acquisizione (obiettivi, attività, attori coinvolti e tempi)
  • La gestione della data room e dei flussi informativi con il potenziale investitore
  • La struttura del deal
  • Le modalità di finanziamento dell’operazione
  • LBO
  • MBO
  • I tempi dell’operazione: casistica (due diligence e processo di acquisizione)
  • Gli standard contrattuali
  • I rapporti inter-company

Lezione 30 - LE OPERAZIONI DI DISTRESSED M&A

  • L’approccio alla crisi d’impresa
  • La valutazione della continuità aziendale
  • Scorporo di attività, rilancio (o modifica) dell’attività di impresa, o sinergie/integrazione all’interno del gruppo dell’investitore?
  • I nuovi operatori di mercato: i fondi di Special Situations
  • Le possibili strutture finanziarie di intervento
  • Le waterfall dei pagamenti/rimborsi
  • Il processo di turnaround finanziario

Modulo: CONTROLLO DI GESTIONE E SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE

Lezione 31 - INTRODUZIONE ALLE LOGICHE E ALLE TECNICHE DI UN SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

Lezione 32 - L’IMPIEGO DELLE INFORMAZIONI DI CONTABILITA’ ANALITICA A SUPPORTO DELLE DECISIONI DI GESTIONE OPERATIVA

  • Variable costing o direct costing semplice
  • Traceable costing o direct costing evoluto
  • Full costing
  • Le logiche e gli strumenti per l’applicazione del ‘full costing’ (a base unica o multipla)
  • I metodi classici di ripartizione dei costi (singolo e duplice)
  • Il metodo di allocazione dei costi (diretto, sequenziale o a cascata)
  • I metodi di allocazione dei costi comuni
  • I metodi di allocazione dei costi congiunti

Lezione 33 - PIANIFICAZIONE STRATEGICA ED ANALISI PER ATTIVITA’: ACTIVITY BASED COSTING (ABC)

  • La necessità dell’ ABC
  • La creazione del valore e del margine
  • Analisi delle Attività Aziendali
  • Individuazione dei Cost Driver
  • Calcolo dei costi delle Attività
  • Modalità di attribuzione dei costi delle Attività ai prodotti/servizi finali
  • Implementazione dell’ABC: casi operativi

Lezione 34 - ACTIVITY BASED MANAGEMENT (ABM)

  • Dall’ABC all’ABM
  • La centralità della visione per processi
  • La misurazione ed il monitoraggio delle performance dei processi/attività
  • L’eccellenza dell’ABC
  • Qualità totale
  • Cost reduction ed eliminazione delle attività a non valore aggiunto
  • Efficienza
  • Miglioramento continuo

Lezione 35 - I SISTEMI DI CONTABILITA’ ANALITICA ED ANALISI DEI COSTI-VOLUMI-RISULTATI DELLE DECISIONI AZIENDALI

  • Il ruolo e le caratteristiche della contabilità analitica quale strumento per supportare la gestione delle determinanti dei costi e dei risultati economici
  • Modalità e struttura della contabilità analitica
  • Il sistema misto; Il sistema duplice contabile; Il sistema unico integrato
  • Gli ambiti della contabilità analitica
  • I limiti della contabilità analitica
  • L’impiego delle informazioni di contabilità analitica a supporto delle decisioni di gestione operativa
  • Il margine di contribuzione ed il suo utilizzo nel processo decisionale
  • L’analisi di convenienza economica (make or buy)
  • Obiettivi e strategie di pricing
  • Definire il prezzo attraverso l'analisi dei costi e la redditività: Break Even Analysis
  • Tecniche di definizione del prezzo:
  • Indagini dirette;
  • Conjoint Measurement
  • Analisi dati storici
  • Test del prezzo
  • Pricing basato sulla determinazione del costo prodotto/servizio
  • Cost Plus e determinazione del mark-up
  • Metodologie di target costing e di ABM per la definizione dei costi obiettivo di prodotto/processo e la definizione del prezzo di vendita
  • Incidenza dei processi di pricing sulla redditività

Lezione 36 - I BUDGET OPERATIVI E I BUDGET ECONOMICI

  • Dal piano strategico ai Budgets e i loro principali collegamenti
  • L’approccio per la costruzione del budget: top-down, bottom-up, misto
  • Il fattore temporale: il calendario di budget
  • Le responsabilità degli attori del processo
  • Il modello dati per la costruzione del budget
  • Dai budget operativi al budget economico
  • Tipi di budget

Lezione 37 - LO SVILUPPO DEI BUDGETS

  • Sviluppo del Budget dei Costi di struttura
  • Sviluppo del Budget degli Ammortamenti
  • Redazione del Report di Budget Aziendale

Lezione 38 - IL SISTEMA DI REPORTING E ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI (VARIANCE ANALYSIS)

  • La progettazione della struttura del reporting
  • Il funzionamento del sistema del reporting (raccolta dati, elaborazione dei report, layout dei report)
  • La verifica delle performance / dell’andamento della gestione
  • L’analisi degli scostamenti: la classificazione degli scostamenti
  • La tecnica del controllo per eccezioni
  • La ricerca delle cause degli scostamenti e le azioni correttive
  • Metodi di controllo evoluto
  • Il collegamento tra processi di pianificazione e di misurazione delle performance
  • Il processo di comunicazione degli obiettivi e delle misure di valutazione delle performance

Lezione 39 - LO SVILUPPO DEI BUDGETS, SISTEMA DI REPORTING E SCOSTAMENTI – Caso pratico - ESERCITAZIONE IN AULA CON PC CON L’USO DI EXCEL®

  • Redazione del Budget Economico per centro di costo e per centri di ricavo
  • Generazione ed analisi dei misuratori ed indicatori di costo: tariffe orarie, ricarichi, ecc.
  • L’analisi del costo prodotto e verifica-determinazione del prezzo

Lezione 40 - SISTEMI DI MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE AZIENDALI: LA BALANCED SCORECARD

Successi del Centro

2017

Ulteriori informazioni

SERVIZIO PLACEMENT & CAREER: I partecipanti agli Executive Master MELIUSform possono accedere al Percorso Placement con l’obiettivo di costruire il proprio personal brand, ovvero di un profilo professionale con un portfolio competenze distintivo, al fine di:
- supportare l’inserimento in azienda dei partecipanti junior uscenti dai Master
- contribuire alla riqualificazione o crescita dei profili che hanno già maturato esperienza in azienda o nell'esercizio delle professioni.