Scienze e tecnologie delle produzioni animali

Università degli Studi di Pisa
A Pisa

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Pisa
Descrizione

Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali si colloca come naturale proseguimento del Corso di Laurea (triennale) in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali. Ha lo scopo di formare laureati magistrali in grado di operare con competenza nel comparto agro-alimentare, agro-zootecnico, agro-faunistico e dell’acquacoltura.
Il Corso di Laurea magistrale è monocurricolare e di durata biennale.  Non è a numero programmato.
Per ottenere la Laurea Magistrale è necessario conseguire 120 CFU (avendone in precedenza conseguiti altri 180 mediante l’ottenimento di una laurea di primo livello). Le acquisizioni formative previste comprendono lezioni teoriche, seminari tenuti anche da liberi professionisti, esercitazioni individuali e/o a piccoli gruppi (in aula o in laboratorio) e lezioni fuori sede. Sono previsti periodi di tirocinio pratico formativo presso strutture esterne. Per il conseguimento del titolo finale lo studente deve preparare e discutere una tesi di laurea (15 CFU) su un argomento da lui scelto e concordato con un docente del Corso di Laurea.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Pisa
Lungarno Antonio Pacinotti, 43 , 56122, Pisa, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Tecnologie delle produzioni animali

Programma

  • TIROCINIO (10 cfu)

    • All’interno del Corso di Laurea è previsto il Tirocinio pratico-formativo: si tratta di un periodo della durata minima di 10 CFU da svolgere presso una o più strutture, il cui obiettivo è quello di far prendere diretta visione allo studente di ciò che verrà poi trattato nell'elaborato finale.
      La durata del tirocinio è espressa in giorni effettivi, per cui dal calcolo devono essere escluse le domeniche, ogni festività riconosciuta dal calendario vigente e, elle strutture che osservano un orario lavorativo di 5 giorni settimanali, anche il sabato.
  • Tracciabilità e valutazione della qualità delle produzioni animali (9 cfu)

    • Insegnamento di "Tracciabilità e valutazione della qualità delle produzioni animali"
      a. insegnamento di Biotecnologie genetiche (Agr/17) 3 CFU (lezioni 2 CFU; esercit.in laboratorio: 0,5 CFU e lezioni fuori sede: 0,5 CFU).
      b. insegnamento di Valutazione della qualità delle produzioni animali (Agr./19) 6CFU (lezioni: 4 CFU; eserc.in laboratorio 1 CFU, lezioni fuori sede: 1 CFU)
      Obiettivi formativi
      Lo scopo del corso è quello di fornire agli studenti gli elementi necessari per esprimere un giudizio di qualità sulle carcasse e sulle carni da esse derivate. Verranno prese in considerazione le trasformazioni che avvengono in seguito alla morte dell’animale e che portano all’ottenimento del prodotto carne e le differenze tra le varie specie .
      Saranno analizzati i principali fattori intrinseci ed estrinseci all’animale che influiscono sulla qualità della carne. Verranno definiti e descritti i parametri qualitativi di maggior importanza per il consumatore. Si presenteranno le metodologie analitiche più utilizzate per la definizione delle caratteristiche qualitative della carne; le stesse metodologie saranno messe a punto durante le ore di esercitazione in laboratorio. A fine corso pertanto lo studente avrà un’approfondita conoscenza della filiera che porta alla produzione di carne e sarà in grado di effettuare le principali analisi di laboratorio per la definizione dei parametri . Il corso intende inoltre fornire agli studenti nozioni relative alla qualità nutrizionale del latte con particolare attenzione alla differenze esistenti tra le varie specie, alle caratteristiche tecnologiche ed a quelle organolettiche. In particolare verranno valutate le proteine del latte ed il loro polimorfismo, il profilo acidico del grasso del latte e l’attitudine alla caseificazione di quest’ultimo.
      Inoltre Il corso intende fornire allo studente gli elementi specifici di conoscenza dello studio di metodiche molecolari applicate alla tracciabilità ed alla certificazione dei prodotti di origine animale.

  • Tossicologia e legislazione ambientale (9 cfu)

    • Insegnamento di "Tossicologia“ (Vet./07) 6 CFU (lezioni: 5 CFU; esercit. in lab.: 1 CFU )

      Obiettivi formativi
      Vengono illustrati i principali concetti di tossicologia utili alla conoscenza degli effetti tossici di sostanze di notevole pericolosità ambientale e alimentare e del loro impatto su organi e sistemi. Sulla base delle conoscenze acquisite lo studente può essere in grado di valutare il rischio tossicologico correlato alla presenza di contaminanti chimici nei diversi comparti ambientali: acqua, aria, suolo, sedimenti e biomassa. Saranno inoltre approfonditi gli aspetti relativi ai residui di xenobiotici negli alimenti di origine animale e le metodiche analitiche relative alla loro ricerca.

  • Allevamento e gestione della piccola fauna selvatica (6 cfu)

    • Insegnamento "Allevamento e gestione della piccola fauna selvatica" (Agr/20) 6 CFU (lezioni: 5 CFU; lezioni fuori sede: 1 CFU)
      Obiettivi formativi
      Il corso si prefigge di ampliare le conoscenze degli studenti riguardo la biologia e l’etologia delle specie di selvaggina avicola caratterizzate da interesse faunistico venatorio, approfondire le nozioni in merito l’allevamento ed il mantenimento in cattività di tali specie, e di fornire nozioni specialistiche relative alle tecniche di allevamento e gestione della lepre.

  • Tecnica mangimistica e dietetica (9 cfu)

    • Insegnamento di “Tecnica mangimistica e dietetica ”
      a.Tecnica mangimistica (Agr./18) 5 CFU (lezioni: 4 CFU; esercit.in aula: 0,5 CFU e lezioni fuori sede: 0,5 CFU).
      b.Dietetica animale (Agr/18) 4 CFU (lezioni: 3 CFU; esercita. in aula 0,5 CFU; lezioni fuori sede: 0,5 CFU).

      Obiettivi formativi
      L’insegnamento intende fornire la conoscenza delle tecniche di formulazione e produzione di mangimi a livello industriale e aziendale finalizzate alla sicurezza alimentare. Nel corso saranno affrontati e approfonditi i seguenti argomenti: a)caratteristiche delle materie prime b) additivi; c) mangimi medicati; d) trattamenti; e) approfondimenti legislativi relativi agli argomenti trattati; f) acquisizione di tecniche di formulazione di mangimi composti. Saranno inoltre affrontati gli aspetti relativi alle principali patologie nutrizionali e alla loro prevenzione e le proprietà nutraceutiche degli alimenti.
  • Fisiopatologia della riproduzione e profilassi delle malattie parassitarie (9 cfu)

    • Insegnamento di Fisiopatologia della riproduzione e profilassi delle malattie parassitarie

      a. Profilassi delle malattie parassitarie (Vet/06) 3 CFU (lezioni frontali 2CFU; esercit.in lab: 0,5 CFU e lezioni fuori sede: 0,5 CFU).
      c. Fisiopatologia della riproduzione (Vet/10) 6 CFU (lezioni: 5 CFU; esercit.in lab: 0,5 CFU e lezioni fuori sede: 0,5 CFU).

      Obiettivi formativi
      Il corso intende approfondire le conoscenze relative all’eziopatogenesi, epidemiologia, e profilassi delle patologie parassitarie degli animali in produzione zootecnica dedicando particolare attenzione alle malattie trasmesse da artropodi.
      Inoltre si propone di far acquisire agli studenti competenze specialistiche relative alla riproduzione degli animali di interesse zootecnico, fornendo nozioni relative ai cicli sessuali, al condizionamento, alla programmazione della riproduzione ed infine al parto.
      Verranno inoltre trattati i maschi, il prelievo, la valutazione macro e microscopica e la conservazione del seme e la preparazione delle dosi inseminanti. La valutazione dei riproduttori e le principali patologie degli apparati riproduttori maschili e femminili e le applicazioni di metodiche per l’inseminazione artificiale.
  • 8 cfu a scelta nel gruppo GR1

    • Libera scelta
    • Tecniche di allevamento, qualità delle produzioni delle piccole specie e legislazione alimentare (8 cfu)

      • Modulo didattico inserito nell'offerta a scelta dello studente. Insegnamento di "Tecniche di allevamento, qualità delle produzioni delle piccole specie e legislazione alimentare" (8CFU) a: Tecniche di allevamento e qualità delle produzioni delle piccole specie (5CFU) (lezioni: 4 CFU; eserc.in aula 0,5 CFU; lez. fuori sede: 0,5 CFU) b: Legislazione alimentare 3 CFU) (lezioni 3 CFU) Il corso intende inoltre fornire agli studenti nozioni relative alle principale tecniche di allevamento delle piccole specie e gli elementi necessari per esprimere un giudizio di qualità relativo ai loro prodotti, in particolare carne avicola, uova, pesce e miele. Il modulo di legislazione nazionale e U.E. sugli alimenti di origine animale è finalizzato all’acquisizione dei principi giuridici e delle disposizioni normative riguardanti la tutela del consumatore espresse dalla legislazione nazionale e comunitaria.
    • Allevamento del cavallo ed etologia zootecnica applicata (8 cfu)

      • Modulo didattico inserito nell'offerta a scelta dello studente. Insegnamento di "Allevamento del cavallo ed etologia zootecnica applicata" (8CFU) a: Allevamento del cavallo (Agr/19) 5CFU (lezione 4CFU; esercit.in aula 0,5 CFU; lezioni fuori sede 0,5 CFU) b: Etologia zootecnica applicata (Agr/19) 3CFU (lezione 2CFU; esercit.in aula 0,5 CFU; lezioni fuori sede 0,5 CFU) Obiettivi formativi L’obiettivo del corso è quello di fare acquisire agli studenti i concetti generali relativi alle tecnologie di allevamento nella specie equina, con particolare riferimento ai fattori gestionali, etologici e legati al benessere e all’addestramento dei soggetti allevati ai fini del loro impiego nelle differenti attività sportive. Il corso si propone inoltre di ampliare le conoscenze relative all’etologia delle principali specie di interesse zootecnico.
    • Apicoltura integrata all'ambiente (8 cfu)

      • Attività formativa inserita nell'offerta a scelta dello studente. Insegnamento di "Apicoltura integrata all'ambiente" (8CFU) a: Apicoltura (Agr/11) 5CFU (lezione 4CFU; esercit.in laboratorio 0,5 CFU; lezioni fuori sede 0,5 CFU) b: Botanica applicata II (Bio/03) 3CFU (lezione 2CFU; esercit.in aula 0,5 CFU; esercit.in laboratorio 0,5 CFU) Obiettivi formativi L’obiettivo del corso è quello di fare acquisire agli studenti i concetti generali relativi all’inquadramento tassonomico nella superfamiglia degli apoidei, alla definizione di superorganismo ape, la sua biologia, fisiologia, comportamenti e principali patologie e come questi concetti si relazionino fortemente alle modalità di allevamento e produzioni apistiche. Particolare attenzione verrà posta sulle buone pratiche di allevamento e sulle modalità moderne di produzione e sulle caratteristiche nutraceutiche dei prodotti apistici quali miele, pappa reale e polline. Verrà accennato al ruolo della propoli e del veleno d’api nell’ambito delle famiglie di api e dell’uso umano. Infine verrà fatta una panoramica sul ruolo dell’ape nell’ambiente e sulle modalità di impollinazione, Inoltre dopo un breve cenno al ruolo delle piante nella biocenosi e all’evoluzione dell’interazione mutualistica angiosperme-insetti impollinatori, il corso prenderà in esame le componenti del fiore utilizzate dalle api e le conformazioni e caratteristiche fiorali più adatte alla loro visita. Saranno poi presentate le famiglie e le specie vegetali interessanti per l’apicoltura, con particolare attenzione alla loro distribuzione geografica ed ecologica, all’abbondanza, stagionalità e durata della fioritura e al contenuto di composti aromatici e nutraceutici. Infine, verrà fatto un breve cenno al ruolo delle api come bioindicatori e miglioratori della qualità dell’ambiente.
  • Tecniche di auditing, sistemi di certificazione e marketing (6 cfu)

    • Insegnamento di " Tecniche di auditing, sistemi di certificazione e marketing" (Agr/01) 6CFU (lezioni 5 CFU; esercit.in laboratorio: 0,5 CFU e lezioni fuori sede: 0,5 CFU).

      Obiettivi formativi dell'insegnamento:
      Il corso si propone di avvicinare gli studenti alla conoscenza dei metodi e strumenti certificativi adottati dalle imprese agro-alimentari per gestire la propria organizzazione aziendale e di fornire competenze nel campo del marketing volte alla valorizzazione dei prodotti alimentari.
  • Tecnologie alimentari e controllo e certificazione della qualità degli alimenti di O.A. (12 cfu)

    • Insegnamento di Tecnologie alimentari e controllo e certificazione della qualità degli alimenti di O.A.
      a. Insegnamento "Tecnologie alimentari (Vet/04) 6CFU (lezioni 5 CFU; esercit. in laboratorio: 0,5 CFU; lezioni fuori sede: 0,5 CFU).
      Insegnamento "Controllo e certificazione della qualità degli alimenti di O.A.
      (Vet/04) 6 CFU (lezioni: 5 CFU; esercit. in aula: 0,5 CFU; lezioni fuori sede: 0,5 CFU)
      Obiettivi formativi
      L’insegnamento è finalizzato all’approfondimento delle conoscenze relative ai processi di produzione e alle caratteristiche dei singoli prodotti nel comparto lattiero-caseario, sia di tipologia industriale che tradizionale, ed inoltre conoscenze relative alla tecnologia di produzione delle carni e dei prodotti derivati, con particolare riguardo ai prodotti di salumeria tradizionali toscani, ponendo l’attenzione, per entrambi i processi, agli aspetti applicativi correlati all’ottenimento di elevati standard igienici e qualitativi.
      inoltre il corso intende avvicinare gli studenti alla conoscenza dei metodi e strumenti adottati dalle imprese produttrici di beni e servizi per gestire la propria organizzazione aziendale e quindi acquisire: conoscenze sulla struttura organizzativa, sui processi, sulle procedure e risorse che costituiscono un sistema di gestione; conoscenze sui soggetti e sui principi sui quali si basa la certificazione di un sistema di gestione; conoscenze sulla gestione delle verifiche ispettive; capacità di redigere la documentazione che accompagna la creazione di un sistema di gestione; capacità di lettura della legislazione che regolamenta l’implementazione di un sistema di gestione; acquisire flessibilità e disponibilità al confronto.
  • Microbiologia e biotecnologie applicate alle produzioni animali (6 cfu)

    • Insegnamento Microbiologia e biotecnologie applicate alle produzioni animali (Vet./05) 6 CFU (lezioni: 5 CFU; eserc. in laboratorio 0,5 CFU; lezioni fuori sede: 0,5 CFU);


      Obiettivi formativi
      Il corso è finalizzato a fornire agli studenti nozioni riguardo ai principali gruppi di microrganismi patogeni e alteranti delle carni, del latte, del pesce e dei prodotti derivati. Particolare attenzione verrà dedicata allo studio ed all’allestimento delle colture starter da impiegare nell’industria di trasformazione. Ampio spazio verrà dedicato alle metodiche microbiologiche per il controllo degli alimenti di origine animale.
  • Estimo rurale e contabilità (6 cfu)

    • Insegnamento di “Estimo rurale e contabilità” (Agr./01) 6 CFU (lezioni: 5 CFU; esercit. aula: 1 CFU).

      Obiettivi formativi
      Il corso si pone come obiettivo quello di sviluppare le conoscenze di immediata e pratica applicazione nell’ambito dell’attività estimativa realizzata da professionisti iscritti all’albo dei dottori agronomi e forestali.
  • Topografia e costruzioni (6 cfu)

    • Insegnamento di “Topografia e costruzioni” (Agr/10) 6 CFU (lezioni: 4 CFU; esercit.in aula: 1 CFU e esercit.in lab.: 1 CFU)
      Obiettivi formativi
      L’insegnamento intende fornire le conoscenze relative ai compiti e alle suddivisioni della topografia, le conoscenze inerenti gli strumenti topografici, i metodi di rilevamento planimetrico e altimetrico, saper effettuare semplici rilievi di piccole porzioni di territorio, far conoscere i problemi della rappresentazione cartografica, le deformazioni
      introdotte e le principali proiezioni adottate, saper leggere le carte topografiche UTM e nazionali. Saper effettuare una restituzione cartografica mediante strumenti GIS e relativi programmi applicativi. Far conoscere gli elementi di base per la progettazione di un ricovero zootecnico e di un locale per la trasformazione delle produzioni, le reazioni degli animali all’ambiente confinato, le condizioni ambientali di massima resa, l’analisi funzionale delle zone necessarie alla conduzione di un allevamento confinato, l’analisi delle più comuni forme dei fabbricati zootecnici per l’allevamento di bovini e suini, la previsione degli impianti tecnici necessari, gli impianti di climatizzazione ( ventilazione, raffrescamento e riscaldamento) gli impianti e le strutture per la conservazione e depurazione dei reflui e il loro dimensionamento, la legislazione vigente sull’impiego degli effluenti zootecnici, saper applicare la metodologia dell’analisi funzionale per il progetto o la verifica di ricoveri per l’allevamento animale. Fornire nozioni di base di disegno tecnico per la restituzione grafica della progettazione dei fabbricati zootecnici e annessi, e dei locali di trasformazione delle produzioni. Saper utilizzare gli strumenti informatici a supporto del disegno progettuale, quali ad esempio AutoCAD.
  • PROVA FINALE (15 cfu)

    • Per essere ammesso all'esame di Laurea lo studente deve aver acquisito i crediti (CFU) relativi a tutte le attività formative previste nel piano di studio. La prova finale consiste nella discussione di un elaborato scritto su un argomento concordato con un docente del Corso di Laurea, anche attinente alle attività svolte dallo studente durante il tirocinio. Alla prova finale sono attribuiti 15 CFU.
  • Allevamenti estensivi (9 cfu)

    • Insegnamento di Allevamenti estensivi (9CFU)
      a: Allevamenti estensivi (Agr/19) 6CFU (lezioni 5 CFU; esercit.in aula 0,5 CFU; lezioni fuori sede 0,5 CFU)
      b: Sistemi foraggeri estensivi (Agr/02) 3CFU) (lezioni 2 CFU; esercit.in aula 0,5 CFU; lezioni fuori sede 0,5 CFU)
      Obiettivi formativi
      Il corso intende fornire agli studenti informazioni relative all’allevamento estensivo e biologico degli animali in produzione zootecnica, con particolare riferimento alle specie ed alle razze più idonee, nell’ottica del rispetto ambientale e del benessere animale. Il corso si propone inoltre di ampliare le conoscenze relative agli ungulati di interesse faunistico venatorio, di approfondire le nozioni in merito l’allevamento ed il mantenimento in cattività di tali specie. Saranno affrontati inoltre aspetti relativi alla gestione degli animali nei loro habitat naturali ed al loro censimento .
      Il corso inoltre intende fornire le conoscenze necessarie in merito ad alcuni aspetti legati alla produzione di alimenti in relazione a tecniche di allevamento estensivo, semi-estensivo, integrato e biologico

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto