Studi Osservazionali: Pianificazione, Conduzione, Analisi e Reporting

GIMBE
A Bologna

750 
IVA Esente
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Bologna
  • 24 ore di lezione
  • Durata:
    3 Giorni
  • Quando:
    06/11/2017
Descrizione

Obiettivo del corso: Il Corso prepara ad acquisire le metodologie di pianificazione, condu-zione analisi e reporting degli studi osservazionali, al fine di migliorare qualità metodologica, etica, integrità e valore sociale della ricerca diagnostica, eziologica e prognostica.
Rivolto a: Professionisti coinvolti nel commissionamento, pianificazione, conduzione, valutazione e pubblicazione della ricerca clinica: ricercatori, industria farmaceutica e tecnologica, editori, comitati etici, medici e pazienti. Consente di acquisire il Clinical Research core-curriculum insieme ai workshop: Introduzione alla Metodologia della Ricerca Clinica - Trial clinici: pianificazione, conduzione, analisi e reporting Consente di acquisire il Clinical Research core-curriculum Plus insieme ai precedenti workshop e al workshop: Editing & Publishing: Etica e Strategie della Pubblicazione Scientifica.

Informazione importanti

Documenti

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario
06 novembre 2017
Bologna
c/o Royal Hotel Carlton - Via Montebello, 8, Bologna, Italia
Visualizza mappa
9.00 - 13.00; 14.00 - 18.00

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Classificare gli studi osservazionali e selezionare quali utilizzare per la ricerca diagnostica, eziologica e prognostica. Identificare le principali fonti di bias negli studi osservazionali e predisporre adeguati strumenti per la loro prevenzione. Utilizzare lo STARD Statement per migliorare il reporting degli studi di accuratezza diagnostica.

· A chi è diretto?

Professionisti coinvolti nella valutazione, pianificazione, conduzione e pubblicazione della ricerca: ricercatori di tutte le professioni sanitarie, componenti di comitati etici, industria farmaceutica e tecnologica, editori

· Requisiti

Nessuno. Corsi propedeutici ma non obbligatori: Evidence in Practice, Evidence-based Medicine, Evidence-based Physiotherapy, Evidence-based Practice, Information Management: strategie avanzate di ricerca bibliografica, Trial clinici: valutare l’efficacia degli interventi sanitari, Evidence-based Diagnosis: processo diagnostico e accuratezza dei test, Revisioni Sistematiche: sintesi delle evidenze nell’era dell’EBM

· In cosa si differenzia questo corso dagli altri?

Nella progettazione e sviluppo dei corsi, oltre all'innovatività dei contenuti, particolare attenzione viene posta alla metodologia didattica, guidata dai principi che regolano l'apprendimento degli adulti, dalle prove di efficacia della ricerca educazionale e dallo sviluppo di strumenti standardizzati per valutare l'apprendimento dei professionisti sanitari.

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Verrà contattato via mail il prima possibile. Tramite la mail verrà indirizzato al sito web in cui potrà effettuare una pre iscrizione (non vincolante al pagamento), utile per tracciare il suo interesse al corso.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Applicazione della pratica quotidiana dei principi e delle procedure dell’Evidence-based Practice (EBM
EBN
EBP
Metodologie di pianificazione
Conduzione analisi e reporting degli studi osservazionali

Professori

Nino Cartabellotta
Nino Cartabellotta
Presidente GIMBE

Esperto nazionale ed internazionale di Evidence-based Medicine, Clinical Governance, metotologia didattica, trasferimento dei risultati della ricerca al paziente individuale ed alle strategie di politica sanitaria. direttore del centro studi GIMBE

Programma

OBIETTIVI SPECIFICI

· Classificare gli studi osservazionali (SO)

· Selezionare quali SO utilizzare per la ricerca diagnostica, eziologica e prognostica

· Identificare le principali fonti di bias negli SO e predisporre adeguati strumenti per la loro prevenzione

· Studi di accuratezza diagnostica, ricerca eziologica e studi prognostici

o Conoscere le determinanti della qualità e gli strumenti di valutazione

o Apprendere metodologie e strumenti per la pianificazione, conduzione e analisi

· Utilizzare lo STARD Statement per migliorare il reporting degli studi di accuratezza diagnostica

· Utilizzare lo STROBE Statement per migliorare il reporting degli studi di eziologia e di prognosi

PROGRAMMA GENERALE

· Classificazione degli studi osservazionali

o Descrittivi

o Analitici

· Disegno e principali bias di:

o Studi di coorte prospettici

o Studi di coorte retrospettivi

o Studi caso-controllo

o Studi cross-sectional (trasversali)

· Aspetti etici della ricerca osservazionale

· Ipotrofia e limitata qualità metodologica della ricerca diagnostica, eziologica e prognostica

LA RICERCA DIAGNOSTICA

· Obiettivo: valutare l’accuratezza di un test diagnostico

· Architettura della ricerca diagnostica: studi di fase I, II, III, IV

· Lo studio cross-sectional:

o Disegno e principali bias

o Metodologie di pianificazione e conduzione

o Analisi dei dati

o Calcolo delle misure di accuratezza: sensibilità e specificità, valori predittivi, likelihood ratio

o La curva ROC

· Strumenti per valutare la qualità degli studi di accuratezza diagnostica: il QUADAS (Quality Assessment of Diagnostic Accuracy Studies)

· Il reporting degli studi di accuratezza diagnostica: STARD Statement

· L’uso dei trial controllati e randomizzati per valutare l’efficacia dei test diagnostici sugli esiti assistenziali

LA RICERCA EZIOLOGICA

· Obiettivo: identificare la responsabilità eziologica di un fattore di rischio di malattia

· Architettura della ricerca eziologica

o Studi descrittivi: case report, case series

o Studi analitici: studi di coorte con coorte parallela, studi caso-controllo tradizionali e nested

· Studi di coorte e studi caso controllo:

o Disegno e principali bias

o Vantaggi e svantaggi

o Metodologie di pianificazione e di conduzione

o Analisi dei dati

o Calcolo delle misure di associazione: rischio relativo, odds-ratio

· Criteri di qualità degli studi eziologici

· Il reporting degli studi osservazionali: STROBE Statement

LA RICERCA PROGNOSTICA

· Obiettivo: valutare la storia naturale della malattia e la potenza dei fattori progostici

· Architettura della ricerca prognostica: studi di coorte prospettici e retrospettivi

· Fasi della ricerca prognostica: sviluppo del modello prognostico, studi di validazione, studi di impatto

· Studi di coorte

o Disegno e principali bias

o Metodologie di pianificazione e di conduzione

o Analisi dei dati: variabili confondenti e tecniche statistiche

· Criteri di qualità degli studi prognostici

· Il reporting degli studi osservazionali: STROBE Statement

Ulteriori informazioni

Osservazioni: Il corso può essere realizzato presso la sede di qualunque organizzazione, pubblica o privata. L'evento può avere obiettivi esclusivamente didattici, oppure essere integrato con progetti aziendali finalizzati al miglioramento della qualità assistenziale. In relazione a specifiche esigenze, il corso può essere personalizzato, rispettando la coerenza tra obiettivi formativi e durata.
Stage: Nessuno
Alunni per classe: 25
Persona di contatto: Elena Cottafava

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto