Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali

Università degli Studi della Tuscia
A Viterbo

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Viterbo
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Viterbo
Via Santa Maria in Gradi, 4, 01100, Viterbo, Italia
Visualizza mappa

Programma

Obiettivi formativi specifici
Il corso di laurea in Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali ha come fine la formazione di figure professionali con una cultura di base interdisciplinare che consenta loro di valutare lo stato di conservazione di un bene culturale, di individuare i fattori di deterioramento ambientale e progettare soluzioni tecnologiche per la loro rimozione.
In particolare i laureati devono:
  • possedere le competenze interdisciplinari per garantire la conservazione del bene culturale, attraverso la conoscenza dei materiali costitutivi, delle tecniche di esecuzione e della storia dei restauri condotti nel passato;
  • essere in grado di valutare i risultati delle metodologie d'indagine scientifica per l'accertamento dello stato di conservazione delle diverse tipologie di beni culturali (con particolare riferimento al settore archeologico, archivistico e storico-artistico);
  • possedere le competenze interdisciplinari per l'elaborazione di progetti volti al monitoraggio dello stato di conservazione finalizzati all'individuazione e rimozione delle cause di degrado;
  • essere in grado di operare all'interno delle istituzioni preposte alla gestione e alla manutenzione del patrimonio culturale e nelle organizzazioni professionali private operanti nel settore del restauro conservativo e del recupero ambientale;
  • essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
  • possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione;
  • essere in grado di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.

    Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
    Diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo.

    Caratteristiche della prova finale
    La prova finale potrà consistere in un elaborato di natura compilativa o sperimentale, atta a comprovare la capacità del laureando a sintetizzare una problematica relativa alla conservazione e al restauro.

    Ambiti occupazionali previsti per i laureati
    I laureati della classe svolgeranno attività professionali presso enti locali e istituzioni specifiche, quali sovrintendenze, musei, biblioteche, archivi, nonché presso aziende ed organizzazioni professionali operanti nel settore del restauro, della tutela dei beni culturali e del recupero ambientale. In particolare si occuperanno dei problemi conservativi del libro e della carta; del cuoio e della pergamena; dei dipinti su diversi supporti; delle sculture lignee; dei tessili; delle terracotte e dei materiali affini.

    Lauree specialistiche alle quali sarà possibile l'iscrizione (senza debiti formativi)
    12/S Lauree spec. in conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico

    Attività di base
    Formazione di base

    CFU 36
    AGR/06: TECNOLOGIA DEL LEGNO E UTILIZZAZIONI FORESTALICHIM/03: CHIMICA GENERALE E INORGANICACHIM/12: CHIMICA DELL'AMBIENTE E DEI BENI CULTURALIFIS/07: FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)INF/01: INFORMATICAING-IND/22: SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALITotale CFU 36

    Attività caratterizzanti
    Formazione interdisciplinare

    CFU 30
    BIO/03: BOTANICA AMBIENTALE E APPLICATAL-ANT/06: ETRUSCOLOGIA E ANTICHITÀ ITALICHEL-ANT/07: ARCHEOLOGIA CLASSICAL-ANT/08: ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALEL-ANT/10: METODOLOGIE DELLA RICERCA ARCHEOLOGICAL-ART/01: STORIA DELL'ARTE MEDIEVALEL-ART/02: STORIA DELL'ARTE MODERNAL-ART/03: STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEAM-STO/08: ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA M-STO/09: PALEOGRAFIA
    Scienze e tecnologie per la conservazione e il restauro

    CFU 45
    GEO/05: GEOLOGIA APPLICATAICAR/06: TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIAICAR/19: RESTAUROL-ANT/05: PAPIROLOGIAL-ART/04: MUSEOLOGIA E CRITICA ARTISTICA E DEL RESTAUROTotale CFU 75

    Attività affini o integrative
    Discipline geologiche e ingegneristiche

    CFU 5
    BIO/07: ECOLOGIA
    Discipline storiche, geografiche, filosofiche, economiche, sociologiche

    CFU 10
    L-ANT/01: PREISTORIA E PROTOSTORIAL-ANT/02: STORIA GRECAL-ANT/03: STORIA ROMANAM-GGR/01: GEOGRAFIA M-STO/01: STORIA MEDIEVALE M-STO/02: STORIA MODERNA M-STO/04: STORIA CONTEMPORANEA SECS-P/06: ECONOMIA APPLICATASECS-P/07: ECONOMIA AZIENDALE
    Legislazione dei beni culturali

    CFU 5
    IUS/10: DIRITTO AMMINISTRATIVOTotale CFU 20

    Attività specifiche della sede
    CFU 18
    BIO/05: ZOOLOGIA BIO/19: MICROBIOLOGIA GENERALECHIM/06: CHIMICA ORGANICATotale CFU 18
    Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 10Per la prova finaleCFU 6
    Prova finale
    CFU 6
    Lingua straniera
    CFU 5Altre (art. 10, comma 1, lettera f )
    Totale
    CFU 10Totale CFU 31

    Totale Crediti CFU Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali 180
    Docenti di riferimento

    NAPOLI Aldo
    PAVOLINI Carlo
    RINALDI Simona

    Previsione e programmazione della domanda
    Programmazione nazionale delle iscrizioni al primo anno (art.1 Legge 264/1999)
    no
    Programmazione locale (art.2 Legge 264/1999)

  • Confronta questo corso con altri simili
    Leggi tutto