Il mio livello di istruzione può influire su quello dei miei figli? I figli ereditano la voglia di studiare dei genitori? Pare proprio di sì.

Grazie allo studio “Livello di istruzione: persistenza o movimento attraverso le generazioni” pubblicato da Eurostat, possiamo dire che l’eredità genetica è una realtà che permane nel passaggio tra le diverse generazioni, anche a livello d’istruzione.

Genitori con un basso livello di studi, figli con basso livello d’istruzione

Lo studio Eurostat afferma che il 50% dei ragazzi con genitori con un basso livello d’istruzione, ereditano la stessa classe sociale. Ciò significa che i giovani di queste famiglie non scelgono di continuare gli studi, adottando così la stessa classe sociale dei loro genitori.

Superano il dato italiano solo Malta, Portogallo e Lussemburgo. Il 41% dei ragazzi italiani, nonostante il basso livello di studi dei genitori , sceglie di intraprendere gli studi medi ma solo il 9% gli studi superiori.

Progenitori medi, figli superiori

Per quanto riguara i genitori con un’istruzione media, osserviamo che il 32% dei figli arriva agli studi superiori.

Un dato non molto confortante per l’Italia, superata da molte nazioni tra cui la Lituania (42%) il Belgio (47%) Spagna e Irlanda (52%) e Francia (56%).

Il 12% dei ragazzi provenienti da famiglie con istruzione media non raggiunge il livello di studi dei genitori e il 56% sceglie di arrivare allo stesso livello dei genitori.

Da studi superiori a studi superiori

Il 64% dei figli di persone con studi superiori manitiene lo stello livello d’istruzione dei genitori.

L’Italia in questo senso si situa nel messo della classifica, superata da nazioni come la Spagna (75%) Belgio (76%), Irlanda (79%), Cipro (78%), Lussemburgo (79%) e Romania (82%).

In questo caso solo il 3% dei figli ha deciso di rimanere con un livello di studi elementare e il 33% con un livello medio.

HerenciaEducacion

Se ti interessa puoi consultare lo studio completo nel sito internet dell’Eurostat.

, ,

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *