Iniziare a leggere un nuovo libro e non sapere quale scegliere è un ‘dilemma’ che sempre ci accompagna quando entriamo in libreria. Spesso siamo alla ricerca dell’ultima fatica dello scrittore del momento, o del ‘best seller’ di fama mondiale, dimenticandoci della bellezza che risiede nelle pagine delle opere più datate. Proviamo a rendervi la vita letteriaria più facile consigliandovi in questa occasione 10 grandi classici che non potete assolutamente perdervi (e che non troverete ‘pesanti’…). Buona lettura!

Master in Counseling Professionale (21^ Edizione)
Aspic Milano - Scuola Superiore Europea di Counseling Professionale
2.565 €
Vedi di più
Corso Grafica Digitale in aula
inSegno
501-1000 €
Vedi di più

1. Il signore delle mosche di William Golding (1954). Il Premio Nobel per la letteratura del 1983 mette in luce le difficoltà relazionali della società moderna attraverso un gruppo di ragazzini britannici che, costretti a convivere su un’isola deserta, si trovano inevitabilmente a confrontarsi con il degenerante tentativo di autogovernarsi.

2. 1984 di George Orwell (1949). Novella fanta-politica che dipinge il governo totalitario del ‘Grande Fratello’. Il capolavoro dello scrittore britannico presenta un’inquietante società distopica regolata con la vigilanza massiva, la repressione, la limitazione delle libertà personali e la manipolazione continua dell’informazione.

3. Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway (1952). Ambientato nella Cuba negli anni ’50 racconta delle difficoltà quotidiane di un pescatore e della sua personale lotta per la sopravvivenza. Un grande classico che sottolinea il coraggio, la dignità e la tenacia dell’uomo di fronte alla natura e alle sue insidie.

4. Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson (1886). Uno dei più grandi classici della letteratura fantastica di tutti i tempi che si concentra sui lati nascosti della personalità umana, con uno sfondo di terrore. Il venerabile dottor Jekyll custodisce un segreto: una pozione che di notte lo trasforma in un mostro, specchio della sua parte oscura.

5. Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll (1865). Racconto fantastico del 1865 dalle note fiabesche ricche di psichedelia, citazioni letterarie, regole logiche e matematiche. Alice si addormenta e sogna di seguire un coniglio bianco in un mondo abitato da personaggi incredibili e paradossali: il mondo, appunto, delle meraviglie.

6. L’insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera (1984). Le scelte delle persone sono irrilevanti. Il paradosso del contrastro tra evanescenza e unicità della vita e la costante ricerca di un significato viene narrato attraverso le vicende di quattro personaggi che si intrecciano tra loro, emotivamente e non solo, durante la Primavera di Praga del 1968.

7. Cent’anni di solitudine di Gabriel García Marquez (1967). Una delle opere più significative del ‘900 in cui lo scrittore colombiano ristruttura la realtà creando il paradigma dell’esistenza umana attraverso le gli intrecci di vicende favolose di una grande famiglia dal destino ineluttabile, di generazione in generazione. Una magistrale scrittura come specchio del realismo magico.

8.  Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino (1979).  I due protagonisti, un Lettore e una lettrice si rincorrono attraverso le pagine di libri che hanno sempre un inizio e mai una fine; una storia d’amore che attraversa i mondi possibili della letteratura attraverso epoche e scenari sempre differenti. Fin da subito acclamato dalla critica come uno dei massimi esempi della Letteratura Postmoderna, è un metaromanzo che riesce ad appassionare anche i lettori più esigenti.

9. Viaggio al centro della terra di Jules Verne (1979). Indubbiamente uno dei racconti più amati del XIX secolo che mescola (fanta)scienza e avventura. Un professore di mineralogia e suo nipote decifrano una pergamena con le indicazioni per raggiungere il centro della terra dove si imbatteranno in paesaggi assurdi e creature preistoriche.

10. Bruges la morta di Georges Rodenbach (1892). Un uomo ossessionato con sua moglie morta in una città ricca di fascino. Il romanzo dello scrittore belga unisce poetica decadentista e simbolismo iniziatico legato al mito di Euridice.

Master Executive Contabilità Bilancio e Controllo
Intrapresa Business School
990 €
Vedi di più
Contabilità generale
Etjca Formazione
Gratis
Vedi di più
, , ,

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *