Corso attualmente non disponibile

Master in "Scrivere per i media: il transmedia storyteller"

5.0
7 opinioni
  • Quando ho sentito parlare per la prima volta di transmediastorytelling mi sono spaventata: credevo di aver preteso troppo da me ma era il primo giorno di lezione del master e ormai dovevo mettermi in gioco. I miei sono studi classici e la scrittura smart, così come la comunicazione su più canali sono stati dei banchi di prova per me, che mi ero confrontata sempre e solo con la scrittura tradizionale stampata su carta. Sento di essere cresciuta e di aver acquisito delle competenze molto utili per il mondo del lavoro.
    |
  • Anche se lavoro come social media manager da circa quattro anni, ho sentito il bisogno di specializzarmi nel campo della traduzione transmediale. È stato molto stimolante il confronto con un’area della comunicazione a me ignota, così come è stato interessante studiare le strategie tramite le quali è possibile progettare un lavoro di narrazione transmediale. Il master unisce diversi tipi di esigenze, sia tecniche che creative e lo consiglio sicuramente.
    |
  • Il master struttura in modo equo la parte teorica e quella pratica. I docenti sono preparati e attivi nel loro settore, per questa ragione sono disponibili a insegnare tutti i trucchi del mestiere. Lo stage ha completato in modo impeccabile tutto il percorso di formazione.
    |

Corso

Blended

1.100 € IVA inc.

Hai bisogno di un coach per la formazione?

Ti aiuterà a confrontare vari corsi e trovare l'offerta formativa più conveniente.

Descrizione

  • Tipologia

    Laboratorio

  • Metodologia

    Blended

  • Ore di lezione

    100h

  • Durata

    3 Mesi

  • Stage in azienda

Impara le tecniche della narrazione transmediale

Raccontare storie, come ben sappiamo, è un bisogno primordiale dell’uomo, un’attività fondamentale che ha contribuito e contribuisce non soltanto alla creazione di una memoria collettiva, ma anche a dare forma a riflessioni di natura etica, morale e sociale che aiuti a comprendere gli eventi contemporanei. Il processo esperienziale che deriva dalla parola, per sua stessa natura, è ripetibile potenzialmente all’infinito: questa consapevolezza è il tratto distintivo del transmedia storyteller, una figura autoriale professionale capace di sviluppare una molteplicità di storie su più piattaforme mediatiche, e di produrre nuove forme narrative sempre più complesse e articolate.

Informazioni importanti

Documenti

  • TRANSMEDIA.pdf

Profilo del corso

Il corso di formazione si rivolge a diplomati, laureandi e laureati, con l’obiettivo di offrire una panoramica sulle mutazioni dell’ambiente mediatico e fornire strumenti pratici per la realizzazione di progetti editoriali in linea con tali evoluzioni narrative.

Il corso è rivolto a coloro che vogliono approfondire lo studio delle strategie e delle tecniche narrative applicate ai campi delle arti visive e della letteratura, grazie all’esperienza di professionisti del settore: giornalisti e scrittori.

Transmedia storyteller

Alla fine delle lezioni, ai migliori del corso, sarà proposto uno stage presso l’Istituto Armando Curcio, al fine di vivere in contatto diretto con la realtà professionale.

Verrete contattati per ricevere ulteriori dettagli.

Le lezioni si svolgono in aula. Teoria e pratica in un'unica soluzione.

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Opinioni

5.0
eccellente
  • Quando ho sentito parlare per la prima volta di transmediastorytelling mi sono spaventata: credevo di aver preteso troppo da me ma era il primo giorno di lezione del master e ormai dovevo mettermi in gioco. I miei sono studi classici e la scrittura smart, così come la comunicazione su più canali sono stati dei banchi di prova per me, che mi ero confrontata sempre e solo con la scrittura tradizionale stampata su carta. Sento di essere cresciuta e di aver acquisito delle competenze molto utili per il mondo del lavoro.
    |
  • Anche se lavoro come social media manager da circa quattro anni, ho sentito il bisogno di specializzarmi nel campo della traduzione transmediale. È stato molto stimolante il confronto con un’area della comunicazione a me ignota, così come è stato interessante studiare le strategie tramite le quali è possibile progettare un lavoro di narrazione transmediale. Il master unisce diversi tipi di esigenze, sia tecniche che creative e lo consiglio sicuramente.
    |
  • Il master struttura in modo equo la parte teorica e quella pratica. I docenti sono preparati e attivi nel loro settore, per questa ragione sono disponibili a insegnare tutti i trucchi del mestiere. Lo stage ha completato in modo impeccabile tutto il percorso di formazione.
    |
100%
4.9
eccellente

Valutazione del corso

Lo consiglia

Valutazione del Centro

Lucia De Rosa

5.0
29/07/2019
Sul corso: Quando ho sentito parlare per la prima volta di transmediastorytelling mi sono spaventata: credevo di aver preteso troppo da me ma era il primo giorno di lezione del master e ormai dovevo mettermi in gioco. I miei sono studi classici e la scrittura smart, così come la comunicazione su più canali sono stati dei banchi di prova per me, che mi ero confrontata sempre e solo con la scrittura tradizionale stampata su carta. Sento di essere cresciuta e di aver acquisito delle competenze molto utili per il mondo del lavoro.
Consiglieresti questo corso?:

Luigi Papa

5.0
29/07/2019
Sul corso: Anche se lavoro come social media manager da circa quattro anni, ho sentito il bisogno di specializzarmi nel campo della traduzione transmediale. È stato molto stimolante il confronto con un’area della comunicazione a me ignota, così come è stato interessante studiare le strategie tramite le quali è possibile progettare un lavoro di narrazione transmediale. Il master unisce diversi tipi di esigenze, sia tecniche che creative e lo consiglio sicuramente.
Consiglieresti questo corso?:

Clarissa Di Silvestro

5.0
28/07/2019
Sul corso: Il master struttura in modo equo la parte teorica e quella pratica. I docenti sono preparati e attivi nel loro settore, per questa ragione sono disponibili a insegnare tutti i trucchi del mestiere. Lo stage ha completato in modo impeccabile tutto il percorso di formazione.
Consiglieresti questo corso?:

Vito Reggiani

5.0
27/07/2019
Sul corso: Il master ha di innovativo la coesistenza delle tecniche narrative per una valida narrazione transmediale e cenni di motion graphic, come ulteriore mezzo per la realizzazione di un racconto “frammentato”. Non è stato immediato capire questo tipo di approccio alla scrittura ma i corsi sono strutturati così bene che, lezione dopo lezione, è stato possibile mettere in pratica le nozioni teoriche appena apprese. Lo stage è stato il vero banco di prova per me: dalla costruzione della storia all’adattamento della stessa sulle diverse piattaforme, sono riuscito a lavorare autonomamente su ogni fronte ed è stato molto soddisfacente!
Consiglieresti questo corso?:

Gennaro Fioravanti

5.0
27/07/2019
Sul corso: Una delle cose che ho più apprezzato del master, è stata l’analisi dei case studies più importanti di narrazione transmediale: analizzarli, studiarli, comprenderli, mi ha aiutato a entrare meglio nell’ottica strategica di uno storyboard.
Consiglieresti questo corso?:

Desirèe Grasso

5.0
26/07/2019
Sul corso: Abbiamo approfondito i concetti di “spalmabilità” e “recepibilità”, che sono fondamentali per la progettazione di una narrazione strutturata su più piattaforme. Ho trovato necessario e molto stimolante il modulo della professoressa Saracino, incentrato sulla tradizionale idea di narrazione e sulla sua crisi, fino alle nuove nozioni di narratività. Il master permette di acquisire una conoscenza a tutto tondo della narrazione come la intendiamo oggi, ossia influenzata dalla presenza del digital e di diversi canali di comunicazione.
Consiglieresti questo corso?:

Valeria Zullo

5.0
26/07/2019
Sul corso: Avevo appena iniziato a lavorare in una piccola agenzia pubblicitaria quando una collega mi ha parlato del master dell’Istituto. Ho ritenuto opportuno frequentarlo contemporaneamente alla mia attività lavorativa, proprio per impegnarmi sotto ogni punto di vista nell’acquisizione delle tecniche di narrazione transmediale. Non essendo molto pratico nel realizzare storytelling, il master ha colmato questa mia lacuna.
Consiglieresti questo corso?:
* Opinioni raccolte da Emagister & iAgora

Successi del Centro

2019
2017

Tutti i corsi devono essere aggiornati

La media delle valutazioni dev'essere superiore a 3,7

Più di 50 opinioni degli ultimi 12 mesi

4 anni del centro in Emagister.

Materie

  • Copywriting
    7

    7 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Scrittura Transmediale
    6

    6 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Web Editing
    5

    5 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Writing
    7

    7 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Storytelling
    5

    5 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Transmedia Storytelling
    6

    6 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Narrazione di impresa
    5

    5 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Narrazione transmediale
    7

    7 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Scrittura narrativa
    4

    4 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Narrativa
    1

    1 alunni hanno indicato di aver acquisito questa competenza

  • Scrittura
  • Media online

Professori

Valentina Mallamaci

Valentina Mallamaci

Transmedia Storytelling e Semiotica

Laureata in Comunicazione Multimediale e di Massa presso l’Università degli Studi di Torino e diplomata al Master di Critica Giornalistica presso l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, è giornalista e critico cinematografico. Appassionata cultrice del cinema e della scrittura, ha approfondito i suoi studi con un corso di sceneggiatura e da qualche anno si dedica all’analisi delle dinamiche narrative e mediali che riguardano la serialità televisiva. Ha collaborato con la rivista Il Mucchio Selvaggio e, attualmente, è critico cinematografico per la rivista on line CultCultFrame ArtiVisive

Programma

Il corso è articolato in 5 moduli da 20 ore per un totale di 100 ore. Le lezioni prevedono un’alternanza tra teoria e pratica, con esercitazioni specifiche sugli argomenti trattati. La durata totale prevista è di circa 3 mesi.

I moduli sono organizzati come di seguito specificato:

1. La teoria narrativa: storia e discorso – Prof. Saracino (20 ore)

Sviluppare una storia richiede la conoscenza di metodi e stilemi che permettano una narrazione nella quale lo sviluppo degli eventi e degli esistenti segua un percorso coerente. Tuttavia la storia e, di conseguenza, il modo di raccontarla ha subito, nel tempo, radicali cambiamenti che ne hanno messo in crisi le strutture tradizionali. Si analizzerà il momento in cui entra in crisi il romanzo letterario e la nozione di narratività.

2. Le strategie narrative: dalla scrittura all’immagine - Prof. Saracino (20 ore)

Favola, intreccio, racconto… I generi narrativi rappresentano forme espressive differenti che percorrono sentieri vicini, dando luogo a contaminazioni e scambi significativi. Saper mostrare e saper raccontare significa dare vita ad una forma “dinamica” della parola, passando attraverso un reale “manipolato” nel quale individuare i meccanismi e le sovrapposizioni della finzione.

3. La cultura convergente: come sta cambiando il panorama mediatico e con esso il pubblico – Prof. Mallamaci (20 ore)

L’ecosistema dei media è un ambiente in continua evoluzione che segue leggi di adattamento ben precise. Proprio come gli organismi viventi, i media si rimodellano per adattarsi alle nuove condizioni ambientali che riguardano tanto l’innovazione tecnologica quanto le sempre più diversificate richieste culturali da parte di fruitori inseriti in questo stesso ecosistema. Produrre contenuti, significa, prima di tutto, analizzare e comprendere questi meccanismi e renderli accessibili tenendo conto di alcuni elementi fondamentali: il tema principale, il linguaggio e il target di riferimento.

4. La costruzione di un immaginario credibile: lo storytelling – Prof. Mallamaci (20 ore)

Oggi lo strumento narrativo dello storytelling ha contaminato qualunque ambito richieda la costruzione di un immaginario credibile e condivisibile. La pubblicità, le campagne politiche, l’identità aziendale e la narrativa (sia essa romanzo o serialità televisiva) sono tutte manifestazioni di come “saper raccontare una storia” debba essere, necessariamente, una caratteristica imprescindibile di chiunque voglia occuparsi di comunicazione.

5. L’estensione narrativa: il transmedia storytelling – Prof. Mallamaci (20 ore)

In un panorama mediatico come quello attuale, in continua evoluzione, anche il modo di raccontare le storie non smette di arricchirsi, e grazie all’avvento e allo sviluppo del digitale, permette un’estensione narrativa virtualmente infinita. Questo è il potenziale del transmediastorytelling, una tecnica all’avanguardia per raccontare storie su più piattaforme multimediali.

Ulteriori informazioni

Il costo del corso in presenza è di 900,00 euro più 200,00 euro di iscrizione.
Il corso in modalità blended ha un costo di 700,00 euro più 200,00 euro di iscrizione.
Il corso in modalità online ha un costo di 500,00 euro più 200,00 euro di iscrizione.
L’iscrizione al corso permette di ottenere un riconoscimento di cfu all’interno del primo anno del corso di studi triennale in Mediazione linguistica in editoria e marketing della SSML «Armando Curcio».

Hai bisogno di un coach per la formazione?

Ti aiuterà a confrontare vari corsi e trovare l'offerta formativa più conveniente.

Master in "Scrivere per i media: il transmedia storyteller"

1.100 € IVA inc.