Se desideri stipulare un’assicurazione puoi decidere di rivolgerti direttamente a un agenzia
assicurativa o scegliere di ricorrere ad altri enti. Quest’ultimi, ovvero coloro che svolgono tale
professione, vengono comunemente definiti mediatori o broker assicurativi. Se hai già pianificato di aprire la tua attività di brokeraggio e dedicarti professionalmente all’esercizio del broker assicurativo, non devi solamente conoscere il settore assicurativo, bensì possedere abilità e competenze imprenditoriali/manageriali.
La domanda sorge quindi spontanea: che tipo di formazione devo svolgere? Come al solito non esiste una risposta univoca; molti sono i corsi che forniscono competenze in settore finanziario e assicurativo. Tra i vari tipi di percorsi, sono sicuramente consigliate le lauree in:

  • Giurisprudenza
  • Scienze economiche
  • Economia
  • Finanza

Per acquisire un’ampia conoscenza della materia occorre specificare che, per operare come broker assicurativo, è necessario iscriversi al Registro Unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi salvo previa domanda d’ammissione ed esame pubblico sostenuto. Per accedere a tale prova ufficiale, è necessario essere in possesso almeno del diploma di istruzione secondaria superiore.

Corso di formazione in Naturopatia bienneale/ triennale individuale intensivo
Accademia Alterego&Cambiolook
10.000 €
Vedi di più
Master in Hotel Management - LONDRA
Sesef
5.500 €
Vedi di più

Quali sono i consigli per diventare broker assicurativo?
Prima di lanciarti sul mercato assicurativo, consigliamo di svolgere un periodo lavorativo come agente assicurativo o all’interno di una società d’intermediazione, per acquisire l’esperienza necessaria e conoscere tutti i prodotti del settore. Inoltre, se hai in mente di aprire la tua attività di brokeraggio non dimenticare di costruire il tuo portfolio clienti. Naturalmente, se hai lavorato precedentemente presso un’azienda assicurativa, considera sempre il principio di divieto di concorrenza prima di selezionare il target della clientela.

Il nostro consiglio è quello di crearsi un portfolio clienti di altri business e business associati all’attività di broker come ad esempio: agenzie amministrative, studi legali, consulenze fiscali o aziende di contabilità, agenzie immobiliari ecc. In altre parole, qualsiasi azienda che già possieda la sua attuale base di clienti o che ne generi un afflusso rapidamente. Qualunque sia il tipo d’attività che si intende intraprendere è necessario disporre di una solida base economica, anche se, secondo il parere degli esperti, questo tipo d’attività non richiede un investimento iniziale molto alto.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *